Mondiali 2026,60 partite su 80 negli Usa

Share

I Mondiali del 2026 si giocheranno negli Stati Uniti, in Canada e in Messico, sconfitta invece la candidatura del Marocco. I Mondiali tornano negli States dopo trentadue anni, dall'edizione di USA 94, mentre in Messico si sono già svolti nel 1970 e nel 1986. Entrambi i candidati hanno presentato i rispettivi dossier alle sei confederazioni riconosciute dalla Fifa, compresa l'Uefa che da sola vale oltre un quarto dei 207 voti disponibili. Le 80 partite saranno giocate per la maggior parte in territorio Usa. Adesso, però, si tratta addirittura di tre stati.

I ringraziamenti della prima oraCarlos Cordeiro, presidente della federazione calcio statunitense, ha ringraziato per il privilegio e ha fatto i propri complimenti alla federazione marocchina. Nel 2022 infatti si svolgeranno gli atipici Mondiali invernali in Qatar, ma la notizia di oggi è l'assegnazione del campionato del 2026.

Nava, politica rispetti Consob e mercato
Nava torna comunque ad avvertire che la tutela del risparmio non significa l'azzeramento del rischio di investimento. La regola numero 1 della finanza è 'no risk, no return'. "Se non c'è rischio, non ci può essere rendimento".

La kermesse iridata del 2026 è stata assegnata dal Congresso della FIFA a Stati Uniti, Canada e Messico.

Share