Parma, la Procura chiede il tentato illecito: la serie A a rischio

Share

La Procura ha chiuso oggi le indagini, comunicando la violazione dell'art.7 agli interessati, aprendo così l'iter per il deferimento.

Nemmeno il tempo di digerire la brutta notizia dell'esito del giudice sportivo in merito alla finale di ritorno contro il Frosinone, con la società ciociara soltanto multata per i fatti dello 'Stirpe' ed il reclamo dei rosanero rigettato, in casa Palermo si torna a sperare in un posto nella prossima serie A per un altro caso, stavolta accaduto lontano dal campo, che coinvolge la società del Parma. Sì, perché per il club è scattata la responsabilità oggettiva.

La Procura Federale ha deferito il Parma (per responsabilità oggettiva) e i suoi due tesserati, Calaiò e Ceravolo, rei, secondo l'accusa, di aver contattato calciatori dello Spezia per "ottenere un trattamento di favore".

Emicrania, in arrivo sul mercato farmaci preventivi
Un enorme passo in avanti, secondo gli esperti che hanno sottolineato come questi farmaci non solo cureranno la crisi, ma saranno in grado di prevenirla , bloccando il dolore alla testa.

L'eventuale sanzione sarebbe "afflittiva", da scontare nel campionato appena concluso, e il Parma potrebbe perdere la serie A. I ducali dopo la vittoria esterna sullo Spezia raggiunsero in classifica i 72 punti alla pari con il Frosinone, (Palermo a 71 punti).

Grazie ai risultati più favorevoli negli scontri diretti, il Parma ha così ottenuto la promozione in serie A, mentre Frosinone e Palermo sono andati ai playoff. "In ogni caso noi eravamo e restiamo assolutamente tranquilli" commenta l'ad Luca Carra.

L'altro aspetto che alimenta timori fa riferimento alle accuse che verranno contestate ufficialmente alle parti in causa: slealtà sportiva (articolo 1 bis del codice) oppure illecito sportivo (art. 7) e la differenza non è di poco conto considerato il riverbero sulla gravità delle sanzioni che ne potrebbero scaturire. "Se andremo a processo ci difenderemo -aggiunge il dirigente del club gialloblù-, e siamo convinti che dimostreremo la nostra innocenza". Il Parma Calcio 1913 continua a nutrire la massima fiducia nella Giustizia Sportiva, ma chiede che la verità venga stabilita nel modo più rapido possibile, per rispetto nei confronti del club e dei suoi tifosi. Continuerà a starne fuori.

Share