Passeggero puzza troppo, aereo costretto all'atterraggio d'emergenza

Share

Brutta disavventura a bordo del volo Transavia HV5666 da Amsterdam in Olanda a Gran Canaria, costretto ad un dirottamento e a un atterraggio d'emergenza a causa del fetore di un passeggero.

Un olezzo talmente forte da causare agli altri passeggeri nausea e vomito. Vero o meno, pare che i passeggeri abbiano segnalato il problema alle hostess non appena saliti a bordo, il cattivo odore infatti era stato percepito già sul bus che conduce all'imbarco, ma in un primo momento non è stata presa alcuna iniziativa. Ma le cose sono andare in modo diverso, come ha dichiarato il passeggero belga Piet van Haut: "L'odore era insopportabile, diversi passeggeri hanno vomitato". Non è insolito, infatti, che il volo possa essere disturbato da vicini di posto troppo rumorosi, timorosi o bisognosi di attenzione al punto da non smettere mai di parlare, ma ciò che è successo su un volo partito da Amsterdam e diretto a Gran Canaria (isola principale delle Canarie) è sì insolito e anche piuttosto inverosimile: l'aereo è stato costretto all'atterraggio dalla puzza emanata da uno dei passeggeri. Il velivolo è atterrato a Faro, nel sud del Portogallo, e l'uomo è stato allontanato. L'equipaggio ha cercato di mettere il passeggero in 'quarantena' dentro il bagno, prima di prendere la decisione di deviare la rotta, poco dopo la partenza dall'aeroporto spagnolo.

Fedex-Tnt: sciopero riuscito, riparte il confronto
Da qui la richiesta alle aziende di "ritirare, nel confronto già fissato per il 4, 5 e 6 giugno, licenziamenti e trasferimenti , riprendendo la discussione a partire dagli investimenti e dalla presentazione di un piano di rilancio".

La compagnia aerea Transavia ha confermato lo sbarco di emergenza dicendo che era dovuto a "ragioni mediche".

Share