Pensioni, tutte le ipotesi in campo Dall'opzione donna a quota 100

Share

Brambilla ha spiegato però una cosa che non c'è nel contratto: nell'idea di chi propone questa riforma è prevista un'età minima di 64 anni per la pensione.

Il premier Giuseppe Conte se i membri del suo governo oggi al Senato.

Nel contratto di Governo, ricordiamo, è scritta la possibilità di andare in pensione per i lavoratori la cui somma dei requisiti anagrafici e contributivi arrivi a 100, con almeno 35 anni di contributi.

Governo, chi è Elisabetta Trenta, ministro della Difesa
Candidata al Senato nel collegio plurinominale Lazio 2, era in quarta posizione nel listino pentastellato e non è stata eletta.

Insomma, la riforma delle pensioni annunciata dal Governo del cambiamento non sembra avere grandi oppositori ed è per questo che - Quota 100 compresa - potrebbe essere uno dei primi provvedimenti attuati dal nuovo Esecutivo.

Questo è quanto molti si stanno chiedendo relativamente alla quota 100 proposta dai due partiti che hanno vinto le elezioni. Secondo il governo una siffatta riforma costerebbe circa 5 miliardi l'anno, ma si tratta di una stima molto ottimistica.

Già da queste affermazioni si vengono a sapere alcuni dettagli in più. "La ripetuta critica all'Istat, come istituto che fornirebbe i dati erronei all'Europa è priva di senso e sembra ignorare che le statistiche sulla protezione sociale e sul sistema pensionistico sono definita in base ad una metodologia precisa, pubblicata e a disposizione di tutti, e sono fatte, quando sono utilizzate per confronti in sede Ue, con una metodologia molto precisa comune concordata con tutti i paesi con la supervisione di Eurostat". Secondo una ricerca realizzata da "Tabula-futuro e previdenza", "in media si può stimare che lo squilibrio tra contributi e prestazioni per pensioni superiori a 5.000 euro netti mensili si collochi attorno al 5-6 %". Sì perché se la flat tax dovesse diventare realtà, la sforbiciata per le pensioni alte sarebbe ampiamente compensata dal taglio delle tasse. Lo stesso lavoratore adesso andrebbe in pensione a 67 anni con un assegno di 900 euro al mese. Chi guadagna di più "spende e investe di più". Il leader della Lega parla di flat tax e di pensioni. L'importante è che ci guadagnino tutti: se uno fattura di più, risparmia di più, reinveste di più, assume un operaio in più, acquista una macchina in più, e crea lavoro in più. "Ma l'assoluta intenzione è che tutti riescano ad avere qualche lira in più in tasca da spendere". I commenti non devono necessariamente rispettare la visione editoriale de Il Sole 24 ORE ma la redazione si riserva il diritto di non pubblicare interventi che per stile, linguaggio e toni possano essere considerati non idonei allo spirito della discussione, contrari al buon gusto ed in grado di offendere la sensibilità degli altri utenti.

Share