Quota 100, Ecco i nodi da sciogliere del programma Lega-M5S

Share

Alla cerimonia nella sala dei Galeoni hanno partecipato anche l'ormai ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Maria Elena Boschi, e il suo successore Giancarlo Giorgetti. I sondaggisti hanno 'calcolato' la fiducia dei cittadini nei confronti del neonato Governo Lega-5 Stelle. Paolo Savona farà comunque parte del nuovo esecutivo come ministro degli Affari europei. La Pubblica amministrazione va a Giulia Bongiorno (Lega). Affari regionali: Erika Stefani (Lega). Famiglia e disabili: Lorenzo Fontana (Lega). Alla Difesa Elisabetta Trenta, in quota M5S. Alle Politiche agricole il leghista Gian Marco Centinaio, con Danilo Toninelli del Movimento 5 stelle alle Infrastrutture. Beni culturali: Alberto Bonisoli (M5S). All'ambiente ci va uno dei nomi che Di Maio aveva indicato già prima delle elezioni in quanto impegnato in prima linea nel caso della cosiddetta terra dei fuochi in Campania: il generale Sergio Costa.

A seguire ha giurato la squadra al completo, composta da 19 ministri, sfilando davanti al capo dello Stato e pronunciando la formula di rito: "Giuro di essere fedele alla Repubblica, di osservarne lealmente la Costituzione e le leggi e di esercitare le mie funzioni nell'interesse esclusivo della Nazione". Basso il margine di seggi in Parlamento per la maggioranza gialloverde di Lega e M5S: 6 a Palazzo Madama e 31 a Palazzo Chigi.Dopo 88 giorni di passione, prende forma il 'governo del cambiamento'. Il Premier oggi, in occasione della festa della Repubblica, continua dicendo: "Lavoreremo con determinazione per migliorare le condizioni di vita di tutti gli italiani".

La proposta del leader pentastellato di spostare Paolo Savona in un ministero diverso dall'Economia viene seguita da Mattarella "con grande attenzione". Per patriottismo abbiamo detto che davamo una mano perchè l'Italia è sotto attacco e non ci possiamo permettere di votare a luglio.

Senatore Renzi fa le valigie: tour mondiale di conferenze
Anche con Salvini l'ex premier è duro: "Stia attento alle parole, non possiamo permetterci di creare un clima incendiario, polemiche e una crisi con la Tunisia".

E' nato un governo politico che potrà far fronte a eventuali e imminenti crisi finanziarie.

Accordo fatto per il governo più tribolato della storia italiana.

Share