Salvini: scannerizziamo navi ONG

Share

Le autorità maltesi avevano impedito l'altro ieri, venerdì 8 giugno, l'ingresso in porto della nave Seefuchs, con 126 migranti a bordo: l'unità, di una Ong olandese, era in difficoltà per le cattive condizioni del mare, ma Malta - ha riferito alla polizia italiana il comandante dell'unità - ha solo proposto assistenza in mare, senza autorizzare l'ingresso in porto. "La priorità deve essere la sicurezza e il benessere di chi è a bordo". È la svolta imposta in queste ore da Matteo Salvini, [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui, - Ladyblitz clicca qui -Cronaca Oggi, App on Google Play] leader della Lega e vicepresidente del Consiglio e ministro dell'interno. Una decisione molto forte da parte di Matteo Salvini, concordata con il Ministro delle Infrastrutture, il grillino Danilo Toninelli, e destinata a suscitare non poche polemiche. Allarmato dal fermo della nave e poco convinto dalle spiegazioni del team di bordo, uno dei migranti ha tentato di buttarsi dal ponte della nave.

Conte, perfettamente allineato con il suo vice, in serata ha diramato una nota durissima contro Malta, "indisponibile" a farsi carico del soccorso umanitario dei passeggeri dell'Aquarius.

Pronta la replica del premier maltese Joseph Muscat: "Siamo preoccupati per la direzione presa dalle autorità italiane sull'Acquarius, che è in alto mare. Vista questa situazione, il regolamento di Dublino va cambiato considerato che l'Italia si trova ancora una volta sola ad affrontare l'emergenza migranti".

Argentina, bufera su Sampaoli: accusato di abusi sessuali
Ora starà al ct Sampaoli decidere il sostituto, con il romanista Diego Perotti che spera in una chiamata. Queste le pesanti accuse di Anello nel corso della sua trasmissione radiofonica, Radio Mitre .

Il settimanale tedesco Der Spiegel ricorda che in realtà la minaccia italiana di chiudere i propri porti allo sbarco dei migranti non è nuova: "Il predecessore di Salvini, Marco Minniti, lo aveva anche affermato anche l'anno scorso per chiedere solidarietà ai partner europei". E su Facebook ha scritto: "Nel Mediterraneo ci sono navi con bandiera di Olanda, Spagna, Gibilterra e Gran Bretagna, ci sono Ong tedesche e spagnole, c'è Malta che non accoglie nessuno, c'è la Francia che respinge alla frontiera, c'è la Spagna che difende i suoi confini con le armi, insomma tutta l'Europa che si fa gli affari suoi".

Appare evidente che la Libia abbia deciso di allentare i controlli visto che in tre giorni sono partiti da quelle coste più di mille migranti. Si tratta di circa 790 persone che, secondo quanto si apprende, sono state recuperate da navi italiane e internazionali. Noi pensiamo che prima di qualunque negoziato venga la tutela della vita umana.

Sull'Aquarius ci sono anche 123 minorenni non accompagnati, 11 bambini e 7 donne incinte.

Share