Salvini sfida Malta e chiude i porti: diciamo no

Share

"Spetta all'Italia ricevere la nave Aquarius". I rifiuti di Malta, tuttavia, sono da addursi alla scarsa capacità di risorse per accogliere i migranti, a differenza dell'Italia che è meglio attrezzata. Dal canto suo, la portavoce della Commissione Ue per la Migrazione, Natasha Bertaud, affermava di essere "in contatto con le autorità italiane e maltesi" e che "quello che la Commissione Ue può continuare a fare" nel caso della nave Aquarius carica di migranti "è investire tutto il suo peso diplomatico per trovare una soluzione veloce alla questione". "Rivolgiamo un appello affinché le persone siano sbarcate velocemente e ricevano le cure" del caso, ha dichiarato Margaritis Schinas, portavoce della Commissione europea. Che meno male che ci sono Orban e Putin, spasiba. Lo ha detto a Catania il presidente della Repubblica di Malta, Marie-Louise Coleiro Preca. Il segretario di Stato all'Asilo belga Theo Francken su Twitter interviene sul caso Aquarius sostenendo la necessità di fermare i richiedenti asilo in Nord Africa.

Ma allora chi deve accogliere i migranti dell'Aquarius tra Italia e Malta?

La nave Aquarius ha ricevuto l'istruzione dal Centro di coordinamento del soccorso marittimo (MRCC) di Roma di restare in standby nella posizione attuale (35 miglia dall'Italia e 27 miglia da Malta). Gli fa eco l'articolo 1158 del medesimo codice, che però prevede pene di reclusione fino a 8 anni laddove una delle persone a cui non si è prestato soccorso dovesse decedere. Al termine di un vertice di oltre tre ore a Palazzo Chigi, il premier Giuseppe Conte ha spiegato che il suo collega di Malta, Joseph Muscat, che ha contattato di persona in serata, "non ha assicurato alcun intervento, neppure in chiave umanitaria".

Argentina, bufera su Sampaoli: accusato di abusi sessuali
Ora starà al ct Sampaoli decidere il sostituto, con il romanista Diego Perotti che spera in una chiamata. Queste le pesanti accuse di Anello nel corso della sua trasmissione radiofonica, Radio Mitre .

A dare man forte a Matteo Salvini arriva dalla Francia Marine Le Pen, esponente del Rassemblement National di estrema destra: "Ha ragione". E, in una conferenza stampa, si toglie qualche sassolino dalla scarpa:"Di tutte queste Ong in giro per il Mediterraneo, non ce n'è una sola di bandiera italiana: c'è mezza Europa li dentro, ma poi a farcene carico siamo solo noi".

Il comma 2 precisa: tra le attività che potrebbero portare a considerare il passaggio non inoffensivo c'è anche "il carico o lo scarico di materiali, valuta o persone in violazione delle leggi e dei regolamenti doganali, fiscali, sanitari o di immigrazione vigenti nello Stato costiero". Questo il suo tweet, con la citazione dal Vangelo secondo Marco, 25,43. "Ero straniero e non mi avete accolto". "Noi salveremo sempre le vite umane, ma Malta è la spia di un'Europa che deve cambiare". Il Testo specifica chiaramente che il respingimento non può avvenire "nei casi previsti dalle disposizioni vigenti che disciplinano l'asilo politico, il riconoscimento dello status di rifugiato ovvero l'adozione di misure di protezione temporanea per motivi umanitari". Poco dopo, però il post è stato cancellato.

Share