Sanità. Giornata mondiale senza tabacco, Ivi: Fumo può ritardare concepimento

Share

Secondo le stime, il fumo di tabacco è collegato a più di 7 milioni di morti in tutto il mondo ogni anno, tra cui circa 890mila dovuti alla respirazione del fumo passivo - per cui si può dire che sono 'vittime innocenti'.

La dipendenza da fumo è ancor oggi tra le prime cause di tumore al polmone.

L'incontro è iniziato con il filmato realizzato dai ragazzi delle classi II B e III B della Scuola media di Quarto d'Altino: "Contro il fumo".

Spagna, Rajoy sfiduciato, Sanchez il nuovo premier: "Si apre una pagina nuova"
Sanchez prende il posto di Rajoy, che si è dimesso dopo che la mozione di sfiducia promossa dal leader socialista è stata approvata con 180 voti a favore, 169 contrari e un astenuto.

Presenti alcune atlete della squadra femminile dell'Umana-Reyer, la team manager, Roberta Meneghel, la capitana, Debora Carangelo e il dottor Federico Munarin hanno rappresentato la società orogranata. Inoltre nel corso dell'evento sono stati mostrati altri messaggi di sensibilizzazione di atlete e atleti dell'Umana Reyer che saranno utilizzate per una campagna di prevenzione sui social network. Buoni dati - commenta - che però si possono e si devono migliorare, rivolgendosi soprattutto ai giovani, nel tentativo di evitare che comincino, perché non iniziare è decisamente più facile che, poi, smettere. La presidente Linda Damiano, insieme al direttore dell'Ulss 3, Giuseppe Dal Ben, ha infine scoperto la nuova cartellonistica che, all'esterno dell'ospedale, invita gli utenti a rispettare la zona "no-smoke".

E proprio oggi ricorre la Giornata Mondiale Senza Tabacco, iniziativa volta a sensibilizzare le persone proprio sui rischi del fumo. La locandina - che riportiamo in allegato - propone anche un breve test di autovalutazione per misurare il grado di dipendenza da fumo e i contatti disponibili per affrontare la dipendenza.

Divulgazione nuovo regolamento divieto fumo - Aulss3 Serenissima: in occasione della giornata contro il fumo e in prossimità di tale data, verrà inviato ai direttori il nuovo regolamento sul divieto di fumo in Azienda, approvato a dicembre 2017. Nella nostra provincia, la Asl di Rieti interviene sia per azioni di prevenzione che di controllo sulla normativa anti-fumo attraverso vari Progetti Regionali: Uno di questi è il Progetto Regionale "Lazio libero dal fumo". Di queste, 900mila sono non fumatrici. Fondamentale dunque - secondo Philip Morris International -l'accesso a informazioni sulle alternative, già disponibili, potenzialmente meno dannose rispetto alle sigarette".L'Oms, sostiene André Calantzopoulos, Ceo di Philip Morris International, "è nella posizione ideale per guidare il cambiamento di tutte le persone che altrimenti continuerebbero a fumare, dalle sigarette ad alternative migliori.

Share