Scontro Italia Francia sui migranti. Vertice annullato. Cosa è successo

Share

Il presidente francese Emmanuel Macron ha telefonato nella notte al presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte. La Stampa anticipa il piano anti-sbarchi di Matteo Salvini, che ieri è intervenuto in Senato sul caso Aquarius (SkyTg24),: "Allestire centri in Nord Africa e neutralizzare le Ong". Questi dati inquadrano bene la miseria degli insulti tra Parigi e Roma e il nullo valore delle fesserie propalate ogni giorno in tema di migrazioni anche dai governi dell'Est europeo che non vogliono la loro quota di profughi, di cui l'80% sono essenzialmente migranti economici, non rifugiati politici. "Se gli do ragione, aiuto la democrazia?"

"Non lo dimentichiamo perché anche noi abbiamo a che fare con gli stessi".

Il vertice tra il presidente del Consiglio e il presidente francese è previsto per venerdì prossimo. Al tempo stesso, l'antipopulismo con il quale Macron ha trionfato contro Marine Le Pen alle presidenziali e poi alle politiche del 2017, deve essere bilanciato con la prudenza.

La Juventus ha deciso: trattativa a oltranza con il Valencia per Cancelo
Resta intanto percorribile la pista che può portare a Matteo Darmian , una delle alternative più facilmente raggiungibili in caso di complicanze per Cancelo .

TRIA ANNULLA TRASFERTA - Ieri, viene raccontato, avrebbe messo in dubbio il bilaterale con Emmanuel Macron vincendo le resistenze di chi, tra i suoi consiglieri più stretti, temeva l'incidente diplomatico. Il Presidente della Repubblica ha ricordato di aver sempre difeso la necessita' di una solidarieta' europea accresciuta nei confronti dell'Italia. "Ma ci auguriamo che venga, il presidente e Giuseppe Conte si sono visti brevemente al G7 in Canada, sarebbe interessante e utile che si vedessero più a lungo", commenta la ministra ai microfoni della radio Europe 1, evidenziando in modo distensivo che "L'Europa deve fare di più e meglio per aiutare l'Italia". "La sfida che stiamo vivendo è esattamente l'opposto di ciò che viene propagandato dalla sinistra frou frou; quella che si è dimostrata tanto cinica da costruire il caos per poi criticare le mosse di chi cerca di disinnescarlo con ipocriti appelli alla parola solidarietà", scrive il comico. "Il Presidente Macron- si legge in una nota- ha sottolineato di non aver pronunciato alcuna espressione volta ad offendere l'Italia e il popolo italiano".

L'Unione europea e la Nato dovrebbero quindi prima di tutto tentare di stabilizzare la Libia e l'Africa subsahariana (cosa che in parte fanno francesi e americani con le missioni militari in Mali e Niger) ma per ora nessuno ha intenzione di farci questo favore: mentre in Siria sono presenti ufficialmente tutti gli eserciti del mondo, la Libia viene lasciata alla sua deriva che si infrange con il suo carico tragico di migranti sulle nostre sponde. "Siamo molto contenti di questa decisione".

Share