Suzuki-Iannone, storia finita: ha firmato con Aprilia

Share

La casa di Hamamatsu si è dichiarata "grata ad Andrea Iannone per il contributo dato allo sviluppo della moto e per i risultati ottenuti insieme, confermando un appoggio incondizionato fino al termine della stagione, sperando in risultati ancora migliori nelle restanti gare".

L'Aprilia cercherà il rilancio proprio con Iannone che affiancherà Aleix Espargo. Sono piloti esperti, veloci e fortemente legati a un affascinante progetto non solo sportivo ma anche tecnico, che contribuirà allo sviluppo dell'intera gamma Aprilia, in pista e in strada.

MotoGP Suzuki-Iannone, addio: il pilota verso l'Aprilia

L'addio di Iannone a Suzuki ha scatenato, come sempre, numerosi rumors, anche piuttosto fantasiosi e divertenti, intorno al pilota di Vasto circa il suo futuro in MotoGP nelle prossime stagioni. Per Andrea invece si tratta l'occasione per provare a riscattarsi dopo l'esperienza difficile vissuta in Suzuki, che lo ha portato al mancato rinnovo di contratto nonostante un avvio di stagione positivo in questo 2018, a seguito però di un 2017 condizionato dalle difficoltà tecniche della GSX-RR. La Suzuki sta lavorando alla definizione dello schieramento per la stagione 2018/19 a cominciare dal pilota che affiancherà Rins.

"Quello tra Iannone e Aprilia sarà̀ un gran bel connubio, uno dei più̀ interessanti della MotoGP e potrà̀ portare grandi risultati -assicura Fausto Gresini, team manager Aprila-". Aprilia Racing aggiunge quindi un importante elemento di crescita al suo ambizioso progetto - il più giovane del campionato MotoGP - guidato da un reparto corse giovanissimo ma molto esperto e talentuoso, l'avanzata testa di diamante tecnologica e l'espressione di un grande gruppo industriale tutto italiano. "Benvenuto Andrea, facci divertire!" ha concluso Gresini. "Vogliamo continuare a crescere e portare la RS-GP dove merita in questa stagione ancora lunga, con Aleix e con Scott (Redding, ndr) che voglio ringraziare pubblicamente per la sua grande professionalità e per l'impegno sempre di altissimo livello".

Malta rifiuta l'attracco alla nave Acquarius della Ong francese
La situazione è in evoluzione e resta da capire in quale porto potranno sbarcare i migranti tratti in salvo. Noi non abbiamo nulla a che fare con questa vicenda.

Share