Touré attacca Guardiola: "Finge di non avere problemi con gli africani"

Share

Ad esempio qualche giocatore del Barcellona si è chiesto lo stesso.

Uno dei motivi che avrebbero spinto l'ivoriano ad uscirsene in questo modo sono le misere 17 presenze accumulate nella stagione appena finita. Noi africani non siamo trattati come gli altri da Guardiola, ho visto questo suo atteggiamento ovunque sia andato ad allenare. Un bottino ridicolo per un calciatore del calibro di Touré che con il Manchester City non vuole avere più nulla a che fare.

Incidente stradale per Stefano De Martino, la corsa all'ospedale
Vi sono state ripercussioni sulla circolazione del tratto autostradale della zona, con numerosi rallentamenti e traffico . L'impatto con l'auto sulla quale viaggiava Stefano De Martino non è stato evitato nonostante il tentativo di frenata.

Il 35enne, 102 presenze con la Costa d'Avorio, continua dopo aver definito "brutale" l'esclusione di Bony dal City: "Guardiola (che ha ricevuto due giornate di squalifica in Champions League per l'espulsione contro il Liverpool) finge di non avere problemi con i giocatori di colore, è troppo intelligente per farsi intrappolare e non lo ammetterà mai". Yaya Touré ha infatti collezionato solo 228 minuti in campionato nel corso dell'ultima stagione, chiudendo per la prima volta l'annata senza gol da quando, nel 2010, si è trasferito alla corte dei Citizens. Queste le sue forti dichiarazioni: "Ero il vicecapitano e davanti a tutti mi dice: 'Non ti vedo motivato. Ma il giorno in cui allenerà una squadra nella quale ci sono cinque africani non naturalizzati gli manderò una torta.". E ancora: "Era come fosse geloso di me, mi vedeva come un rivale. Una mancanza di rispetto assoluta, un qualcosa di insopportabile". "Il trattamento di Guardiola nei confronti di Yaya al Manchester City non è un errore, ma un crimine che avrà delle conseguenze - riporta Sport24 -".

Ho l'impressione che Pep, senza alcuna riconoscenza né alcun rispetto, abbia fatto di tutto per rovinare la mia ultima stagione qui.

Share