Un summit storico per Kim Jong-un - Junko Terao

Share

Washington e Pyongyang si impegnano, infine, a dare seguito all'accordo raggiunto oggi con ulteriori negoziati per la sua attuazione che verranno discussi dal segretario di stato americano, Mike Pompeo, e da un alto funzionario di Pyongyang. Tra i "papabili", anche Kim Yong Chol, considerato il braccio destro di Kim, vicepresidente del Comitato centrale del Partito dei Lavoratori, ex capo dello spionaggio di Pyongyang, che ha avuto un ruolo centrale nella ripresa dei colloqui e il 2 giugno ha portato alla Casa Bianca la missiva che ha spianato la strada. "Le sanzioni rimarranno tuttavia in vigore fino alla completa denuclearizzazione". "C'è molta soddisfazione e molta gioia, voglio ringraziare il presidente Kim" ha continuato Trump. Con Kim Jong-un "risolveremo un grande problema, un grande dilemma", ha detto Trump sul nucleare con il leader nordcoreano, assicurando che "lavorando insieme ce ne faremo carico".

Riaffermando la dichiarazione Panmunjom del 27 aprile 2018, la Corea del Nord si impegna a lavorare per una completa denuclearizzazione della penisola coreana.

Lo storico incontro tra Donald Trump e Kim Jong-un è avvenuto poco dopo le 9 (le 3 in Italia) con un copione scenico e hollywoodiano: il presidente Usa e il leader nordcoreano si sono ritrovati sul patio del Capella Hotel, sull'isola di Sentosa, attraversando due porticati opposti.

Un conflitto sanguinoso, in cui furono utilizzate armi terribili.Secondo l'agenzia di stampa sudcoreana Yonhap è stata la prima volta che le bandiere Usa e nordcoreana sono state ufficialmente messe in mostra fianco a fianco, dopo un concerto a Pyongyang della New York Philarmonic nel 2008.A Seoul il presidente sudcoreano Moon Jae-in, che è stato l'iniziatore della fase di distensione di cui il summit odierno è figlio, ha assistito in diretta Tv quanto accadeva a Singapore. Lo spazio aereo è stato completamente chiuso durante il meeting.

Alcuni giorni fa due dipendenti dell'emittente sudcoreana Kbs sono stati arrestati per aver violato la casa dell'ambasciatore nordcoreano a Singapore. "Vorrei esprimere gratitudine al presidente Trump per aver fatto accadere questo incontro", ha aggiunto Kim.

Juventus Under 15, coro shock contro il Napoli: "Usate il sapone"
Il calciatore che ha dato il via al vergognoso ha poi chiesto scusa attraverso Instagram: " Mi scuso con tutti quelli di Napoli ".

Il governo di Singapore ha anche schierato la squadra di soldati di élite, i gurkha nepalesi, famosi per il khukuris, un tipico coltello pesante e dalla lama curva, oltre che per le loro capacità militari.

In 18 mesi si è passati dagli insulti e dalle minacce di guerra atomica ad un incontro a quattro occhi per raggiungere addirittura un'intesa che sembrava impossibile solo da immaginare. "Attueremo la denuclearizzazione della Corea del Nord", ha proseguito.

Da parte sua, il leader nordcoreano aveva definito il presidente degli Stati Uniti un soggetto "mentalmente squilibrato". "È un onore essere con il presidente Kim".

Mosca: "Bene, ma il diavolo si nasconde è nei dettagli dell'accordo" - "Non possiamo che accogliere positivamente l'importante passo avanti compiuto oggi, anche se il diavolo sta nei dettagli".

Share