Belen-Nina Moric, faccia a faccia in Tribunale

Share

"Darò in beneficenza i soldi di un eventuale risarcimento, se Nina Moric dovesse essere condannata". Così la modella croata Nina Moric, ha spiegato davanti al giudice della decima sezione penale perchè il 3 settembre del 2015 ai microfoni de 'La Zanzara' aveva definito la showgirl argentina, che l'ha denunciata per diffamazione, "una strega cattiva", "un viado" e ha detto che girava "nuda" per casa anche alla presenza del figlio della Moric e di Corona. Ma poi ha protestato contro il tribunale, che dovrebbe occuparsi di reati più gravi e non della lite fra due celebrità. I rapporto non sono mai stati buoni, ma non l'ho mai minacciata di volere portare via suo figlio e una volta l'ho anche invitata a cena a casa mia, ma non c'è stato verso di recuperare un rapporto.

Calciomercato Roma, Alisson rifiuta il Chelsea: vuole solo il Real Madrid
Si vocifera di una possibile offerta di circa 70 milioni di euro , che dovrebbe essere presentata a luglio dagli inglesi. Inoltre, vista la situazione di Courtois , con contratto in scadenza tra un anno, meglio correre subito ai ripari.

Sono le uniche parole pronunciate da Belen Rodriguez molto provata in tribunale, a Milano, dove è andata in scena una nuova puntata della guerra tra le ex di Fabrizio Corona. "Io non l'ho mai accusata di molestie sessuali, ma se mio figlio viene a casa e dice che Belen gira nuda non dice le bugie". Infine, la Moric ha precisato che con il termine "viado" voleva riferirsi esclusivamente "al suo aspetto fisico e al suo abuso di chirurgia estetica". "Anche lei mi ha diffamato scrivendo sui social che io sono psicopatica e squilibrata - ha continuato Moric - e ha giudicato il mio ruolo di madre, una cosa che io non farei mai, ma non l'ho mai querelata". Lo ha detto la modella Nina Moric in Tribunale a Milano prima di entrare in aula per il processo a suo carico per diffamazione nei confronti di Belen Rodriguez.

Share