Borsellino, Bonafede: "Su strage via D'Amelio lo Stato chiede scusa"

Share

Così in una dichiarazione il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Borsellino era un giudice esemplare: probo, riservato, coraggioso e determinato.

Alla fine della funzione, Don Cosimo Scordato ha voluto leggere una lettera che la nipotina del magistrato, Fiammetta Borsellino, aveva scritto per il nonno.

"Le sue inchieste - conclude Mattarella - hanno costituito delle pietre miliari nella lotta contro la mafia in Sicilia. Insieme al collega e amico Giovanni Falcone, Borsellino è diventato, a pieno titolo, il simbolo dell'Italia che combatte e non si arrende di fronte alla criminalità organizzata". In chiesa le due figlie del magistrato assassinato da Cosa nostra, Lucia e Fiammetta, alla presenza, tra gli altri, del prefetto, Antonella De Miro, e del sottosegretario all'Interno, Stefano Candiani.

Festival di Venezia 2018: "Il primo uomo" film d’apertura
Tutte le ultime notizie dal mondo del cinema e della tv direttamente nella tua casella mail, a portata di un solo click! Ryan Gosling vi interpreta Neil Armstrong , che coronò la missione Apollo 11 mettendo piede sulla Luna .

Seguirà un momento di ricordo dedicato all'agente Emanuela Loi con la proiezione di un filmato e le testimonianze di alcuni colleghi che condivisero momenti di vita e di lavoro con la poliziotta. Perché è facile distrarsi e lasciarsi prendere da altro ma ci sono battaglie che non vanno mai scordate, ci sono eroi che hanno perso la vita per il bene di tutti e perché hanno avuto il coraggio di dire di no alla mafia e di dirlo ad alta voce, senza paura.

Era il 19 luglio 1992 e in via D'Amelio a Palermo veniva ucciso, insieme alla sua scorta, il giudice antimafia Paolo Borsellino. Sono le parole scritte, con una grafia incerta e accanto al disegno di un grande cuore colorato, da Fiammetta Borsellino, secondogenita di Manfredi e nipote di Paolo Borsellino.

Share