Codaconso denuncia Ryanair per frode e truffa

Share

Una protesta programmata da tempo, alla cui base vi è la richiesta di migliori condizioni di lavoro e contrattuali da parte del personale di cabina della compagnia aerea low cost. La denuncia arriva dal Codacons, che attacca la compagnia aerea che dopo numerose cancellazioni di voli ha annunciato che non concederà alcun rimborso ai passeggeri. Una protesta che però ha fatto partire una vera e propria "guerra dei cieli". In tal senso il Codacons presenta oggi un esposto a 26 Procure della Repubblica (Alghero, Ancona, Bari, Bologna, Brindisi, Cagliari, Catania, Ragusa, Crotone, Cuneo, Genova, Lamezia Terme, Milano, Napoli, Palermo, Parma, Perugia, Pescara, Pisa, Rimini, Roma, Torino, Trapani, Trieste, Venezia, Verona) chiedendo di aprire una indagine penale sulla compagnia area alla luce del comportamento assunto dal vettore, e ha attivato una task force di legali per fornire assistenza ai passeggeri coinvolti nei disagi: tutti gli interessati possono inviare una mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. Il Regolamento stabilirebbe - per il Condacons - infatti "risarcimenti da 250 a 600 euro a passeggero in caso di ritardi superiori alle 3 ore o cancellazioni dei voli". Anche in Calabria si registrano gravi disagi. Già, perchè il Codacons, nella giornata di ieri, si è rivolto anche alla Polizia postale italiana chiedendo di "oscurare la pagina del sito Ryanair che fornisce informazioni sul foro legale competente, perché potrebbe indurre in errore i consumatori lasciando loro credere che qualsiasi azione giudiziaria sia da intraprendere nel paese dove ha sede la compagnia".

Sono proprio Filt Cgil e Uiltrasporti ad aver proclamato lo sciopero di 24 ore di oggi, che si inserisce nel quadro dello stop europeo e che riguarda anche Belgio, Spagna e Portogallo.

La più lunga eclissi lunare del secolo avrà luogo il 27 luglio
Per chiudere in bellezza, il 31 luglio il pianeta rosso raggiungerà la distanza minima dalla Terra , pari a 57.590.630 chilometri. La Luna sorgerà poco prima delle 20:30, permettendoci così di ammirare l'intera eclissi totale.

La compagnia si è difesa affermando che, trattandosi di cancellazione dovuta a circostanza estranea alla sua volontà, non si sarebbe potuta applicare la disciplina europea sui risarcimenti.

Share