Eclissi di Luna, sito osservativo al Castel del Monte

Share

L'eclissi totale di venerdì 27 luglio sarà la più lunga del XXI secolo - dal 2001 al 2100 - e durerà 1 ora 42 minuti e 57 secondi. Nel caso dell'eclissi lunare, il corpo celeste a occultare la Luna è la Terra. Il culmine sarà però alle ore 22.22, quando la Luna sarà completamente al centro del cono d'ombra proiettato dalla Terra frapposta tra il Sole e il nostro caro satellite.

Il disegno qui sotto può darci una mano. A destra, il dettaglio del disco lunare che mostra come varia la sua illuminazione durante lo stesso intervallo di tempo. Per più di 100 minuti la luna assumerà un lucente colore rosso, tendente a un brillante arancione. Anche questa orbita giace su un suo piano orbitale, che è inclinato di 5 gradi rispetto a quello della Terra.

Chi se ne intende un pochino di astronomia da che ad ogni eclissi lunare è assegnato un ciclo di Saros, ciascuno dura 18 anni. Il trucco è pensare tridimensionalmente e ai due piani inclinati diversamente.

Dove vedere l'eclissi di Luna del 27 luglio
In quello stesso anno, a differenza di ciò che è in procinto di accadere, si verificò l'eclissi lunare più breve del secolo. L'eclissi del 6/7 agosto 2036 non avrà una totalità simile a quella del 25/26 giugno 2029, quando sarà di 102 minuti.

In Italia l'eclissi è visibile quasi nella sua interezza. Col progressivo incedere dell'oscurità, il "calar delle tenebre" metterà a. fuoco la luna via via di un rosso più intenso, raggiungendo il suo pieno apice alle 22 e 22 minuti, per poi dedicarsi alla fase discendente della parabola e concludersi alle 23.13, anche se gli effetti sfumeranno fino a notte fonda (fonte Tgcom24), oltre l'una di notte. "La Luna, dopo l'uscita dalla totalità - ha evidenziato l'Inaf -, attraverserà il cono di penombra per emergerne definitivamente e segnare così la fine dell'eclissi all'1 e 30 della mattina del 28 luglio". A rendere ancor più suggestivo il tutto, sarà la presenza in cielo di ben 4 pianeti visibili a occhio nudo: Venere, Giove, Saturno e Marte. A Roma, a piazza del Colosseo, si terrà La notte della luna rossa e del pianeta rosso curata dal Parco archeologico del Colosseo e The Virtual Telescope Project.

Apparirà rossastra, colorazione che dipende dal ciclo solare e soprattutto dalle condizioni atmosferiche terrestri.

Per chi non riuscisse a vede dal vivo, potrà assistere allo straordinario evento in diretta streaming collegandosi al sito Virtual Telescope. Come sempre in questi casi, per osservare il cielo al meglio il consiglio è di recarsi in zone isolate dove l'inquinamento luminoso è meno invasivo, ad esempio in montagna.

Share