Emre Can si presenta alla Juventus: "Rifiutati altri club importanti"

Share

Il centrocampista tedesco, liberato dal Liverpool a fine contratto, s'è già sintonizzato sulle frequenze dei campioni d'Italia, non solo per i primi approcci con la nostra lingua: "Buongiorno ragazzi", debutta in italiano con un sorriso. Conoscevo il club da molto tempo e la sua grandezza si percepisce da molte cose. Sono davvero contento di essere qui. Khedira me l'aveva anticipato.

INFANZIA JUVENTINA - Il mio primo allenatore era italiano e mi ha parlato molto bene della Juventus.

"Penso che la società ha avuto diversi contatti nel corso degli anni".

PROBLEMA MONDIALE? - Penso che i Mondiali non siano un problema.

A quale giocatore si è ispirato come calciatore? Il vero protagonista del ritiro juventino non è a Torino, ma in barca in Grecia: ovvio, pensieri e parole nel giorno 1 della stagione 2018-19 si concentreranno su Cristiano. Non so se ci sono stati contatti tra il club e il giocatore, sono concentrato sulle mie cose.

Incidente sul lavoro a Palazzo Reale: muore l'assistente del pittore Bonalumi
Al loro arrivo sul luogo dell'incidente i soccorritori hanno constatato che l'uomo era in arresto cardiaco. Le indagini dovranno chiarire se l'operaio abbia perso l'equilibrio o sia caduto in seguito a un malore .

Come ti hanno accolto i giocatori della Juventus?

"Sono qui per vincere la Champions".

Emre Can, come ha vissuto i primi istanti alla Juventus? La svolta è avvenuta nel 2013: il centrocampista si è trasferito al Bayer Leverkusen e, sotto la guida di Sami Hyypias poi e Sascha Lewandowski poi, è diventato un elemento fondamentale di una squadra che ha raggiunto i quarti di finale di Champions League, giocando spesso anche come terzino sinistro e iniziando a diventare duttile e versatile in campo. È da 22 anni che questa società insegue questo trofeo e io voglio essere di aiuto.

IO E KLOPP - "È la prima volta che sento di cattivi rapporti tra me e Klopp".

Non ha ancora parlato con Allegri del suo impiego tattico pur avendo chiarito che, nonostante la sua duttilità, il ruolo a lui più confacente resta quello di centrocampista (scoop!) ha invece affermato di aver scambiato 4 chiacchiere su vacanze e ambientamento coi senatori imbeccato dal nostro Edoardo Siddi in modalità "famo sta sceneggiata" cit. Avremo modo di parlarne. Però spetta all'allenatore decidere. "Da bambino uno dei miei idoli era Zidane, so che ha giocato anche qui". "Germania out? E' stata una grande delusione, ma credo che la squadra riuscirà a rimettersi in piedi".

Share