F1: Aldo Costa e Mark Ellis lasciano la Mercedes - Motorsport

Share

L'ingegnere parmigiano, in Mercedes dal 2011 e con un passato diviso tra Ferrari e Minardi, ha giocato un ruolo fondamentale nella ristrutturazione dell'apparato tecnico del team di Stoccarda.

Wolff ha poi concluso: "Mark e Aldo ci hanno entrambi aiutato con le tempistiche e le scelte di questo cambiamento, e il futuro del team è luminoso con Loic, John e tutta la direzione tecnica che lavora sotto la supervisione di James (Allison ndr.)". Mark è tornato a Brackley nel 2014 dopo sei anni con la Red Bull Racing, dove ha ottenuto diverse vittorie nel Campionato Mondiale di F1, continuando la striscia vincente con Mercedes.

Al suo posto quindi chi ci sarà?

Scossone in seno al reparto corse della Mercedes.

Mary, Queen of Scots: domani il primo trailer, ecco i character poster!
Focus Features ha distribuito oggi il primissimo trailer del film insieme ai primi poster che trovate a inizio articolo. Assistiamo a questo primo "round" della loro gara di bravura, nel primo trailer ufficiale di Mary Queen of Scots .

"Questo è un momento significativo per la nostra squadra", ha affermato il boss Toto Wolff. "Abbiamo detto molte volte che non è possibile congelare un'organizzazione di successo, perché si tratta di una struttura dinamica e sono orgoglioso che siamo in grado di consegnare il testimone senza problemi alla prossima generazione di leader nel team". Lascia anche il Performance Director Mark Ellis che si è preso un anno sabbatico.

"Dall'inizio del 2013, Aldo e io abbiamo condiviso molte cene a Oxford come esuli europei, così come tanti bei giorni in macchina alla Mille Miglia l'anno scorso. Ho avuto l'opportunità di conoscere un individuo straordinario ma anche una persona che mi ha insegnato moltissimo sulla Formula 1 e l'umiltà che serve per avere successo". Per me è stato come un compagno di pugilato, nel vero senso del termine - e mi mancheranno le nostre discussioni circa la comune passione per il nostro team e sulla spinta e la volontà che occorrono per vincere.

Poco dopo sono arrivate anche le parole del diretto interessato, Aldo Costa che ha raccontato la sua esperienza a Brackley, positiva sin dagli inizi, da quel settembre 2011 in cui la Mercedes decise di puntare tutto sull'ingegnere romagnolo, in uscita dalla Ferrari: "Gli ultimi 7 anni con Mercedes sono stati un'esperienza fantastica - non sono dal punto di vista dei successi professionali, ma anche esperienze di vita che hanno arricchito me e la mia famiglia, rendendo la nostra mentalità più aperta e internazionale". La ragione che ha reso tutto ciò molto facile è stata l'attitudine dei miei colleghi, con il loro meraviglioso benvenuto, con il loro rispetto e l'approccio collaborativo che ho sempre trovato all'interno della squadra.

Share