F1 Gran Bretagna, Vettel: "Probabilmente non siamo i favoriti"

Share

Cambi di direzione rapidi, che mettono a dura prova anche i piloti sotto l'aspetto fisico, si addicono perfettamente alle caratteristiche tecniche della monoposto inglese. "Spero sia affidabile la macchina, ma questo pensiero non mi ostacolerà e il team farà di tutto". Ed il pilota britannico ci tiene a ripassare in testa al mondiale proprio a Silverstone. E' un privilegio poter vedere tante bandere, e' una sensazione bellissima. La pressione rende le cose più difficili e tutti hanno perso punti, anche Ferrari e Red Bull. Non so cosa accadrà d'ora in avanti, ma sono certo che dietro di me c'è il miglior team di strateghi. "Naturalmente ci deve essere responsabilità, ma è qualcosa che viene affrontato nel giusto ambiente a porte chiuse, non in un forum pubblico." conclude cosi Horner. "Max si avvicina ma non ha un gran premio d'Olanda, qui è davvero incredibile, spero davvero di arrivare in una buona forma". Se devo presenziare alla conferenza stampa di sabato posso non esserci? "E nel caso di Lewis si è rotta la pompa del carburante, quindi la benzina non arrivava più al propulsore". Sebastian Vettel ha fatto segnare 1'27 "552, meglio delle Mercedes di Lewis Hamilton e di Valtteri Bottas". Poi si lascia andare a uno sguardo al Mondiale di calcio. "Mi sono dovuto prenotare la partita per domenica, voglio essere in Russia a sostenere la mia squadra". Per questa somma di motivi la Pirelli ha portato le sue gomme in variante "assottigliata", cioè con 0,4 mm di spessore battistrada in meno, per allontanare il pericolo di blistering, aumentato con le alte temperature ambientali che ci si aspettano nel weekend.

Austria: Pronti a proteggere i nostri confini
In particolar modo i confini con Italia e Slovenia sono ritenuti molto pericolosi e quindi degni di un forte controllo. La tutela austriaca passa per un irrigidimento nei controlli dei confini e in un respingimento dei migranti .

Quando poi gli è stato chiesto se fosse sorpreso del fatto che la Ferrari non abbia chiesto a Kimi Raikkonen di cedere il secondo posto a Vettel in Austria, ha detto: "Ci sono stati dei momenti quest'anno in cui avrei pensato che avrebbero invertito le posizioni, perché questa di solito è la loro filosofia. Nell'ultima gara abbiamo spinto troppo per recuperare e le gomme sono andate al limite". "Siccome nessuno mi ha rimproverato, ho continuato ad andare largo".

Share