Ivanka Trump chiude il suo marchio di vestiti e accessori

Share

Oltre un anno fa - per via del suo ingresso alla Casa Bianca, dove è consigliere del padre-presidente Donald Trump - aveva preso le distanze dalla sua azienda omonima di abbigliamento e accessori.

Ora Ivanka Trump ha deciso di chiuderla, dopo soli quattro anni di attività (era stata aperta nel 2014).

Ivanka ha meditato a lungo sulla chiusura della società, soprattutto negli ultimi mesi alla luce della sua crescente frustrazione sui paletti imposti sul marchio per evitare possibili conflitti di interesse.

Ilva, avviato l'iter per l'annullamento della gara di aggiudicazione
ArcelorMittal potrebbe presentare già lunedì prossimo il proprio piano a tutte le parti interessate. Se negozi con Mittal riconosci che la gara è valida.

"Dopo 17 mesi a Washington non so quando e se tornerò a fare business. Assumere questa decisione ora è la cosa giusta per la mia squadra e i miei partner", ha spiegato Ivanka Trump alla stampa americana.

Allo stesso tempo diversi rivenditori hanno deciso di boicottare la marca, tra cui colossi come Nordstrom e Hudson's Bay, anche se per farlo hanno citato pessime performance nelle vendite.

Share