LA BIANCONERA - #CR7 è della Juventus, un giorno potremo dire "Io c'ero"

Share

Gigi Buffon è ormai un nuovo giocatore del PSG.

"E' un onore presentare Buffon: è un grande portiere, un grande leader". Ci sarà un'energia particolare, non so se per la magia della città, l'entusiasmo dei tifosi e del presidente. "Ora preferisco rispondere in italiano che per me è ancora più facile al momento".

"È stata una sorpresa di inizio maggio la chiamata del PSG, una sorpresa gradita perchè stavo programmando un altro tipo di futuro, ma avevo la speranza che accadesse qualcosa perchè sentivo di avere ancora tanto da dare".

Ho cominciato ben prima del PSG a provare a vincere questo titolo.

Vettel si impone nel regno di Hamilton
La rimonta è stata grandiosa, mi spiace non aver vinto per i tifosi ma li ringrazio per il sostegno. Sicuramente senza la sanzione sarei andato ancora meglio, ma io ci ho provato comunque.

La Champions League ovviamente è il trofeo che vorrebbe alzare al cielo prima di appendere i guanti al chiodo, ma non rappresenta un'ossessione né per lui né per il PSG. E poi posso contribuire al miglioramento della squadra, perché questa squadra possa ambire a traguardi più importanti. Quando inizia una stagione, non si può racchiudere tutto in un obiettivo come la Champions League. Ecco in conferenza stampa le parole dell'ex Juventus: "Sono felice e contento di essere qui".

L'indice di gradimento di Gigì e Ilarià, rigorosamente con l'accento, coppia che riassume sport e fashion, in Francia è già altissimo, e i due stanno spodestando velocemente un'altra italiana, la Carlà di Nicolas Sarkozy. XL anche nel senso di 40, come gli anni, e della taglia, da supereroe, come lo stanno dipingendo i francesi, che in una trasmissione tv ne hanno celebrato l'elettrocardiogramma, a dimostrazione della sua (super) potenza. "Farò di tutto per migliorare i miei compagni, anche i portieri". Una finale Champions Psg-Juve sarebbe davvero troppo " Parigi, Buffon: "Sono qui perché la vita è imprevedibile. Non mi voglio più fare questa domanda perché lo trovo sbagliato e trovo che mi crei una situazione di negatività di cui non ho bisogno. Voglio giocare finché sto bene e finché dimostro che sono tra i più forti.

"Ho fatto 10 anni al Parma e 17 alla Juve, soprattutto negli ultimi 17 mi ero creato una zona di comfort molto forte e considerevole". Ma non è mai piaciuta. Non potevo dire di no a questa opportunità. Ha tanta esperienza, con tutti i trofei che ha vinto. Su Cristiano Ronaldo dico che non mi darebbe fastidio, al massimo mi hanno dato fastidio i gol che mi ha fatto.

NEYMAR - "Momenti difficili li abbiamo passati tutti nella nostra carriera, sono delle tappe che se le affronti nel modo giusto e con il coraggio giusto ti fanno migliorare tantissimo". Un campione come Neymar, da una delusione come quella del Mondiale, possa arrivare qui a Parigi con una rabbia agonistica incredibile. Tornerei se ci fosse una necessità impellente, altrimenti credo sia giusto lasciare spazio ai giovani. "Se uno gioca in Nazionale vuol dire che è competitivo ai massimi livelli". "Credo che la Francia sia ora la favorita principale per il Mondiale visto che il Brasile - che era la mia favorita assoluta - è stato eliminato".

Share