Lavoro, Di Maio: nessuna fiducia sul decreto Dignità

Share

L'impegno "che ho assunto come ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico e' quello di abbassare il costo del lavoro per permettere l'utilizzo dei contratti a tempo indeterminato ad un piu' basso costo per le imprese", conclude. A partire dai voucher (abrogati, come si ricorderà, con effetto 1° gennaio 2018, dall'esecutivo Gentiloni allo scopo di evitare il referendum abrogativo della Cgil), per il quale è stato forte il pressing della Lega e su cui Luigi Di Maio ha ormai dimostrato, con specifici limiti di applicazione la disponibilità dei Cinquestelle. Aumenta inoltre il valore dell'indennità per i lavoratori licenziati "ingiustamente", passando da massimo 24 mesi a massimo di 36.

Niente causale nei contratti a tempo determinato per le attività stagionali; confermato l'incremento contributivo di 0,5 punti percentuali "in occasione di ciascun rinnovo" di un rapporto a termine, anche per la somministrazione. Lo sa bene il suo alleato Salvini, che sta ricevendo una valanga di proteste per il provvedimento.

Se il contratto a termine prevede una durata superiore a 12 mesi (e fino a 24 mesi), l'assunzione dovrà essere giustificata da una delle predette causali. Dunque per i prossimi 10 anni, 80mila posti di lavoro andranno in fumo. SALVE MAESTRE CON DIPLOMA MAGISTRALE - Le maestre non laureate ma con diploma conseguito prima del 2001-2002 potranno comunque insegnare, a dispetto dello stop arrivato dal Consiglio di Stato.

'Barcone con 450 a bordo, non deve venire in Italia'
E ancora la revisione delle missioni navali nel Mediterraneo che di fatto, ha detto, aiutano il traffico di esseri umani.

Si tratterebbe del primo possibile provvedimento per la riduzione del cuneo fiscale, in attesa della preparazione delle misure che prenderanno corpo nella Legge di Bilancio 2019.

Il Governo ha deciso di aumentare il prelievo erariale unico (Preu) dello 0,5 su slot machine e Vlt, portando le rispettive aliquote al 19,5% e al 6,5% della raccolta. Per lo spesometro invece si profila un rinvio della scadenza per l'invio dei dati del terzo trimestre a febbraio 2019, insieme quindi all'invio dei dati del quarto trimestre.

Share