Lo sciopero Ryanair lascia a terra 100mila passeggeri: cancellati oltre 600 voli

Share

Nel bel mezzo della stagione turistica estiva, la compagnia aerea low cost irlandese Ryanair ha annunciato di voler cancellare 600 voli in Europa programmati per il prossimo 25 e 26 luglio a causa di uno sciopero del personale in Spagna, Portogallo e Belgio. Queste cancellazioni interesseranno un totale di 100.000 passeggeri in entrambi i giorni. Lo sciopero riguarderà circa 50.000 passeggeri che hanno in programma di viaggiare da e verso il Belgio, il Portogallo e la Spagna.

Wimbledon: Kate e Meghan alla finale delle donne LE FOTO
Entrambe però hanno sfoggiato grandi sorrisi e, tra una chiacchiera e l'altra, hanno mostrato che il feeling tra loro è ottimo. Kate Middleton e Meghan Markle si sono presentate senza consorti sugli spalti del campo centrale di Wimbledon .

I 600 voli in cancellazione previsti rappresentano oltre il 10% del traffico di Ryanair - in un periodo peraltro di picco viste le partenze per le vacanze di milioni di persone - a testimonianza che si prevede un'elevata adesione alla protesta lanciata dai sindacati dei lavoratori. Ad ogni modo, Ryanair afferma di aver offerto ai 100.000 passeggeri interessati "l'opportunità di essere riassegnati su un volo alternativo operante entro sette giorni prima o dopo il 25 e il 26 luglio". Ad annunciarlo è stata la stessa compagnia, in previsione dello sciopero del personale di cabina della prossima settimana. I clienti "possono anche ricevere un rimborso completo dei loro biglietti". "Il personale di bordo di Ryanair ha un buon stipendio - fino a 40.000 euro l'anno (si tratta di Paesi con un alto tasso di disoccupazione giovanile)", ha detto Jacobs, sottolineando che per quanto riguarda i giorni di riposo, l'azienda è "leader del settore" e gli equipaggi di cabina ricevono "buone commissioni sulla vendita" dei prodotti a bordo. Nell'annunciare le cancellazioni, la compagnia parla di sciopero ingiustificato che servirà solo a rovinare le vacanze delle famiglie e favorire la concorrenza.

Share