Migranti, Salvini: "Sulla Nave Diciotti andrò fino in fondo"

Share

"A distanza di ore però - spiega il vicepremier - nessuno si è mosso, e il barcone ha ripreso a navigare in direzione Italia".

"Sappiano Malta, gli scafisti e i buonisti di tutta Italia e di tutto il mondo - scrive ancora il leader della Lega, anche su Twitter - che questo barcone in un porto italiano NON PUÒ e NON DEVE arrivare. Abbiamo già dato, ci siamo capiti?". Il titolare del Viminale fa sapere che un barcone con a bordo 450 persone si trova in acque maltesi ma starebbe puntando verso l'Italia.

Matteo Salvini in cerca di riscatto, nel contrasto agli sbarchi "io non mollo, anzi" scrive in un post su Facebook. A quanto si apprende, tuttavia, la nave che prima si trovava in acque Sar maltesi ha corretto la rotta verso Lampedusa entrando in acque Sar italiane. ". L'imbarcazione di cui parla Salvini dovrebbe essere un peschereccio in legno a due piani". Nella nota viene ricostruita la cronologia del nuovo avvistamento, a partire dalle 04:25 di oggi quando il Maritime Rescue Coordination Center italiano "riceveva una segnalazione inerente un'imbarcazione con circa 450 persone a bordo in area Sar maltese". I migranti, tra l'altro, avrebbero riferito della presenza a bordo di minori con necessità di assistenza urgente.

Bruxelles, Trump minaccia l'uscita dalla Nato. Lo riferiscono fonti tedesche
Dopo le parole di Trump , è stata convocata una riunione straordinaria ristretta del Consiglio atlantico . Stoltenberg però ha frenato, dicendo che "al momento siamo concentrati sull'obiettivo originale del 2%".

Toninelli interviene sulla questione con un tweet: "Per la legge del mare è Malta che deve inviare proprie navi e aprire il porto".

A quel punto Malta ha inviato a Roma una richiesta di disponibilità per un'eventuale cooperazione. "Se lo farà qualcuno al mio posto, se ne assumerà la responsabilità morale, giuridica e politica". "La nostra Guardia costiera potrà agire, se serve, in supporto, ma Malta faccia subito il suo dovere".

Il ministero degli Esteri chiede "che le autorità della Repubblica di Malta ottemperino con la massima urgenza alle proprie responsabilità in materia Sar (l'area di ricerca e soccorso che cade sotto la responsabilità de La Valletta, ndr), ed è essenziale che il porto di sbarco sia identificato sul territorio maltese".

Share