Milan, il cda si rinnova il 21 luglio: Scaroni possibile presidente

Share

Il fondo d'investimento statunitense Elliott, con sede a New York, ha comunicato martedì sera che Project RedBlack, la società lussemburghese che controlla e che ha creato per finanziare il Milan, ha ottenuto la proprietà e quindi il controllo della società che fino a oggi ha detenuto la maggioranza del club, la Rossoneri Sport Investment Luxemburg dell'investitore cinese Yonghong Li.

Mercato Milan, il Fondo Elliott cambia marcia. Ora la società è finita nelle mani di Elliott, un fondo americano che ha già presentato i propri obiettivi: riportare il Milan nel pantheon dei top club europei, lì dove merita di storia per storia, tradizione, blasone e trofei vinti.

Thailandia: la pioggia accelera i soccorsi, salvo anche l'ottavo ragazzo
Le previsioni dei soccorritori dovranno però fare i conti con gli eventuali imprevisti, primo fra tutti il meteo avverso. Quest' oggi si sono messi al lavoro gli stessi sub che hanno tratto in salvo i primi quattro ragazzi ieri.

Paolo Maldini e Umberto Gandini, una bandiera del Milan e un manager che ha lavorato per 23 anni nel club e conosce altrettanto bene i meccanismi della politica calcistica internazionale: sono le figure chiave a cui Elliott conta di affidare la gestione della squadra, per segnare subito un cambio di passo (anche con un aumento di capitale da 150 milioni) dopo l'uscita di scena di Li Yonghong, con una dirigenza di alto profilo, gradita con ogni probabilità a un potenziale acquirente. "Tale trasferimento è avvenuto all'esito dell'escussione di alcune garanzie a seguito dell'inadempimento, da parte del precedente proprietario di AC Milan, delle proprie obbligazioni nei confronti di Elliott". Conclude la nota ufficiale: "Elliott è pienamente consapevole della sfida e dell'impegno che derivano dall'essere proprietari di un'istituzione così importante. Elliott crede fermamente che vi sia l'opportunità di creare valore su AC Milan". Qualsiasi rivoluzione, in Casa Milan, è rimandata all'anno prossimo.

Come invece già riportato nella serata di mercoledì, almeno per il momento, non è prevista la sostituzione di Fassone e Mirabelli , che resteranno rispettivamente come amministratore delegato e direttore sportivo. Quest'anno, inoltre, la finestra estiva del calciomercato si chiuderà a metà agosto e non più alla fine del mese, e per questo le squadre di Serie A sono attive sul mercato già da tempo.

Share