Napoli, "Reparto chiuso per festa primario": sospeso medico dell'Ospedale del Mare

Share

Ha dell'incredibile l'ennesima denuncia del consigliere regionale dei Verdi e componente della commissione Sanità Francesco Emilio Borrelli.

"Il reparto di chirurgia vascolare dell'Ospedale del Mare è stato chiuso nella notte tra venerdì e sabato per consentire a tutto il personale di partecipare alla festa del primario" La denuncia del consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli è precisa e frutto di segnalazioni arrivate in gran numero.

Francia-Croazia: le cose da sapere sulla finale dei Mondiali
Grida di gioia, abbracci, canti patriottici e petardi si sono diffusi in centinaia di piazze e vie della piccola Croazia quando il 2-1 contro l'Inghilterra è diventato il risultato finale .

Nel corso di una visita all'ospedale del Mare di Ponticelli, Napoli, un uomo ha tentato di aggredirla, venendo però fermato tempestivamente dagli uomini della scorta. Motivo della chiusura, aggiunge il consigliere regionale, sarebbe stato "consentire a medici e infermieri di partecipare alla festa organizzata in un locale a Pozzuoli dal neo primario per celebrare il nuovo incarico". Poi ho scoperto che purtroppo sarebbe andata proprio così.

Il Ministro per la salute Giulia Grillo ha visitato in questi giorni le strutture ospedaliere della Campania. Il direttore generale dell'Asl Napoli 1 Forlenza, dopo essere stato informato da più fonti, ha deciso di sospendere il neoprimario ad horas dall'incarico cautelativamente. "Vogliamo andare rapidamente in fondo a questa vicenda, come a tutti i casi che tolgono diritti e assistenza ai cittadini". In realtà il termine c'è: fino a quando "saranno portati a termine tutti gli accertamenti del caso". E sarà avviato anche un procedimento disciplinare, in merito a eventuali ipotesi di contestazioni sulla base del contratto. In mattinata, come ha fatto sapere, ha incontrato il direttore sanitario dell'Ospedale del Mare, Giuseppe Russo e lo stesso Forlenza. "Se non mi sentono, vado nel palazzo di fronte e mi butto giù", ha urlato mentre intorno cercavano di calmarlo. "Mi ha confermato di aver trasferito, la sera del 6 luglio, 4 pazienti dal suo reparto a quello di Chirurgia - racconta - e di averlo fatto senza chiedere l'autorizzazione alla Direzione sanitaria". Nessun provvedimento, al momento, per il resto dell'equipe del reparto.

Share