Niccolò Bettarini e il messaggio sui social dopo l'aggressione

Share

Dopo il grandissimo spavento e la preoccupazione, mamma Simona è andata a riprenderlo e il ragazzo, una volta tornato a casa, si è lasciato andare ad un lungo sfogo sui social, tramite il quale ha voluto fare dei ringraziamenti speciali.

F1 Gran Bretagna, Vettel: "Probabilmente non siamo i favoriti"
Sebastian Vettel ha fatto segnare 1'27 "552, meglio delle Mercedes di Lewis Hamilton e di Valtteri Bottas ". La pressione rende le cose più difficili e tutti hanno perso punti , anche Ferrari e Red Bull.

Accoltellamento di Niccolò Bettarini: almeno altri sei ragazzi potrebbero essere a breve essere chiamati a rispondere delle stesse accuse già contestate dalla polizia ai quattri fermati per il tentato omicidio del 19enne figlio di Stefano Bettarini e Simona Ventura nella notte di sabato all'uscita dall'Old Fashion di Milano. Mi sono sempre detta che il dolore più grande e innaturale sia perdere un figlio" dice ancora la conduttrice. "La telefonata a Gero che si è precipitato al Niguarda, la corsa da Torino a Milano, l'abbraccio in ospedale con Nick e sapere dagli straordinari medici del trauma team che mio figlio non era in pericolo di vita. Finalmente Niccolò dopo essere uscito dalla struttura clinica in cui è stato operato, ha rotto il silenzio su Instagram. L'amico F. T. ha raccontato a verbale "di aver visto una decina di persone" che "circondavano e percuotevano con mani e piedi l'amico Niccolò", il quale era "totalmente in balia degli aggressori e non riusciva a difendersi" e a quel punto è intervenuto "in soccorso". Innanzitutto voglio in questo momento ringraziare la mia famiglia - scrive - che mi è sempre stata vicino, nei momenti felici come in quelli brutti. "Sono cresciuto credendo nell'amicizia, è un valore fondamentale nella mia vita e farei qualunque cosa se degli amici fossero in difficoltà", scrive il giovane, il cui pensiero va poi ai sanitari, per le cure ricevute, e agli investigatori per le indagini in corso. "Nessuno come lei ha saputo trasmettermi quella forza che mi ha permesso di non mollare mai". Ringrazio, inoltre, la questura e le forze dell'ordine per il lavoro che stanno svolgendo. "Da questa esperienza esco più forte di prima, con la consapevolezza di aver rischiato tanto" - continua. "Ricordate sempre di essere voi stessi ma soprattutto, ricordate chi siete" - ha concluso. Grazie a tutti per l'affetto che ci avete dimostrato.

Share