Parmigiano Reggiano, Onu e Oms: "Dannoso come il fumo"

Share

"Parmigiano, Prosciutto, pizza e olio nuocciono gravemente alla salute, come una sigaretta". Stessa sorte potrebbero avere vino e olio d'oliva.

LE RASSICURAZIONI - Dal Palazzo di Vetro, a New York, fonti diplomatiche si sono affrettate ad assicurare che la riunione del 27 settembre si concluderà con una dichiarazione politica, da adottare per consenso, su cui in questi giorni sono in corso negoziati.

L'Onu e l'Oms stanno infatti portando avanti una battaglia contro gli alimenti ricchi di grassi saturi, sale, zuccheri e contro l'alcool ed il fumo, al fine di ridurne il consumo e prevenire le malattie non trasmissibili.

Dunque, se nel mirino dell'Onu e dell'Oms, come si suppone, finissero prodotti del Made in Italy come parmigiano, prosciutto, olio extravergine, "siamo alla pazzia pura", commenta Centinaio.

PROSCIUTTO di Parma e Parmigiano reggiano come le sigarette. Ritengono che facciano bene alla salute prodotti come la Coca Cola o altri perché light e poi ci condannano il Parmigiano o altri prodotti dell'enogastronomia italiana. "Per la prima volta nella storia le malattie non trasmissibili uccidono più delle epidemie", ha detto il presidente dell'Assemblea Generale Miroslav Lajcak, sottolineando che queste sono responsabili di due terzi delle morti del mondo.

Calciomercato, Gasperini sicuro: "Gomez non si muove dall’Atalanta"
Sì, come sempre da quando sono in Italia; il 91 è anche il mio anno di nascita. Voglio migliorarmi, segnare più dell'anno scorso.

Ridurre nella dieta l'apporto di questi alimenti rischia però di danneggiare tanti prodotti di alta qualità del made in Italy.

L'industria alimentare italiana si associa al ministro.

Possibilità che ha scatenato la reazione anche dell'Assica, l'Associazione Industriali delle Carni e dei Salumi, che ricorda che "non esistono cibi buoni e cattivi quando viene incentivato un regime alimentare moderato e variegato, come del resto indica la stessa Dieta mediterranea".

Le Nazioni Unite, tramite l'Organizzazione mondiale della sanità, dichiarano guerra alle malattie del terzo millennio, da quelle cardiovascolari, al diabete fino ai tumori.

"Alle nazioni Unite sotto il pressing di poche multinazionali si cerca di affermare un modello alimentare fuorviante, discriminatorio e incompleto che finisce per escludere paradossalmente dalla dieta alimenti sani e naturali che da secoli sono presenti sulle nostre tavole, per favorire prodotti artificiali di cui in alcuni casi non è nota neanche la ricetta", dice il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo, nel denunciare che "le distorsioni provocate dal sistema di informazione visiva, adottato con formule diverse in Gran Bretagna e Francia, è solo il punto di partenza dell'iniziativa dell'Onu che sta addirittura teorizzando appositi sistemi di tassazione per colpire i prodotti della dieta mediterranea, garanzia di benessere e longevità".

Share