Russia 2018 - I rigori regalano la semifinale alla Croazia

Share

Nella sfida contro il Belgio ci si aspetta di più da Mbappé che venerdì pomeriggio contro la Celeste non è stato così devastante come nella partita contro l'Argentina ed è rimasto un po' in ombra. Quella che si presenta davanti alle quattro squadre europee è perciò un'occasione unica. Nonostante i 5' minuti di recupero niente da fare per la Svezia che chiude comunque un ottimo Mondiale, con l'Inghilterra che ritorna in una semifinale dopo 28 anni.

Alla vigilia in pochi (forse nessuno) avrebbero pronosticato le semifinali che, invece, si disputeranno in Russia a partire da martedì: già perché almeno tre delle quattro prossime protagoniste possono essere tranquillamente definite "sorprese". L'ultimo scontro con la Russia, finito ai rigori, ha confermato l'affidabilità degli undici capitanati da Luka Modrić che dovranno però affrontare la solidità del calcio inglese.

Mondial 2018, al via le semifinali
La finalissima si giocherà domenica 15 luglio , alle ore 17 italiane, nello stadio "Luzniki" di Mosca . Un po' come Artem Dzyuba , entrato per Smolov al 25′ della partita d'apertura, al 26′ ha già segnato...

Ovviamente guidano i giocatori dell'Inghilterra, che arrivano tutti e 23 dalla Premier: ben 11 sono invece i calciatori del Belgio che giocano in Inghilterra, cinque i francesi e un solo croato, Dejan Lovren del Liverpool. La Croazia ha ora un appuntamento con la storia: centrare la sua prima finale in un Mondiale.

A proposito di Francia e Inghilterra, e per quel che concerne le semifinali, i transalpini ne hanno vissute, oltre a quelle del '98 e del 2006, altre tre: nel 1958 chiusero l'allora coppa Rimet al terzo posto battendo 6-3 la Germania, nel 1982 terminarono la loro cavalcata al quarto posto dopo aver perso la finale di consolazione al cospetto della Polonia (3-2), nel 1986 arrivarono terzi per aver sconfitto nella finalina il Belgio. Insomma, non si arriva alle semifinali di un Mondiale per caso, anche se spesso ci è voluta la lotteria dei rigori a sentenziare chi dovesse avanzare. Le uniche extraeuropee queste che dal '54 ad oggi sono state insignite del titolo mondiale.

Share