Sgombero campo nomadi di Roma, sbloccata la sospensiva della Corte Europea

Share

L'ingresso al campo, prosegue la Polizia locale, "è avvenuto, tra l'altro, con personale dei servizi sociali di Roma Capitale, che ha da subito offerto assistenza alloggiativa alternativa, accettata da alcuni nuclei familiari".

Un 31enne residente nel campo ha raccontato: "Questa mattina sono venuti per buttarci fuori, ci hanno trattato come animali".

Centinaia di uomini impegnati in un'operazione che farà discutere anche perché, mentre lo sgombero sta avendo luogo, alcuni rom avrebbero contattato le associazioni e gli avvocati che hanno ottenuto lo stop direttamente dalla Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo.

Non si è fatta attendere la risposta del ministro dell'Interno Matteo Salvini: "È in corso lo sgombero del campo Rom Camping River di Roma".

Juve, Allegri: "CR7 giocherà da punta. Favilli? Destinato al Genoa"
La partita amichevole tra Roma e Tottenham sarà trasmessa in diretta tv su Sky Sport, streaming attraverso l'app Sky Go . La Juventus fa il suo esordio all'International Champions Cup 2018 .

Stamattina Salvini ha twittato: legalità ordine e rispetto prima di tutto.

All'alba oltre 150 tra agenti della Polizia Municipale e agenti di polizia, hanno attuato l'ordinanza del sindaco Raggi, per "esigenze sanitarie" e hanno "convinto" l'ultimo gruppo di rom che non voleva lasciare la struttura occupata ad andare via. Si riteneva "inderogabile" adottare le necessarie misure volte a salvaguardare "nell'immediatezza le condizioni igienico-sanitarie dell'area e la salute delle persone ancora presenti nell'insediamento nonché dei cittadini che vivono nelle zone circostanti". "Al momento, altre 20 persone hanno accettato l'offerta di accoglienza presso le strutture del sistema allestito dai servizi sociali di Roma Capitale". E' uno sgombero forzato, uno "schiaffo all'Europa" come ha affermato pochi minuti fa il ministro Salvini? Il Comune ha risposto in ogni virgola alle risposte della Corte Europea. Senza dire nulla alle famiglie sulle soluzioni alternative, senza un progetto - scrive su Twitter -. "Se non si comincia da quello che funziona, da dove si deve cominciare in questo Paese?". "Non vogliono risolvere i problemi, vogliono diffondere l'odio", ha invece commentato il presidente del Partito Democratico, Matteo Orfini.

"Un dato nuovo è da aggiungere - denuncia Stasolla -. Un fatto inedito che, prima del giudizio della Corte Europea, non era presente".

Share