Thailandia: grotta, muore soccorritore per poco ossigeno

Share

L'uomo, che aveva 38 anni, ha perso conoscenza sulla via del ritorno, e i tentativi di farlo rianimare sono falliti.

La squadra dei Seal che è con i ragazzi, che non sanno nuotare, dovrà accompagnarli passo passo lungo i cunicoli, alcuni dei quali sommersi, attraversati, non senza difficoltà, dai soccoritori per raggiungerli.

"Un ex Seal che si era offerto volontario per aiutare è morto la scorsa notte intorno alle 2 - ha detto Passakorn Boonyaluck, vicegovernatore di Chiang Rai, citato dalla Bbc - Il suo compito era quello di portare ossigeno".

Libia, ennesimo naufragio: 114 migranti dispersi in mare
Come fa sapere l'Oim che insieme all'Unhcr lancia un nuovo allarme sulla situazione. Soprattutto quando ci sono oltre 40 gradi di temperatura.

Il dramma è avvenuto mentre i soccorsi si stanno organizzando per riuscire ad evacuare la dozzina di ragazzi intrappolati, con il loro allenatore, da 13 giorni, in una grotta allagata prima dell'arrivo di nuove precipitazioni. L'uomo ha perso conoscenza per la mancanza di ossigeno sulla via del ritorno alla caverna che fa da base intermedia prima del tratto finale per raggiungere i ragazzi, lungo 1,7 chilometri. I soccorritori impegnati nel recupero dei 12 ragazzi intrappolati con il loro allenatore da due settimane nella grotta Tham Luang hanno posato un tubo lungo cinque chilometri che immette ossigeno nella cavità dove il gruppo è bloccato.

Ci vogliono 11 ore per compiere il tragitto di andata e ritorno tra l'entrata della grotta Tham Luang e il punto dove i 12 giovani calciatori e il loro allenatore sono bloccati.

Uno dei Navy Seals thailandesi impegnato nelle operazioni di salvataggio è morto per mancanza di ossigeno. Anche per questo, all'esterno della grotta altre squadre di soccorritori continuano a perlustrare la giungla sulle pendici della montagna, nella speranza di individuare un'entrata alternativa. I soccorritori stanno cercando di far diminuire l'altezza dell'acqua in modo tale che i ragazzi abbiano il minor tratto possibile da dover percorrere in immersione.

Share