Atlantia, forte rimbalzo in Borsa. Il mercato con crede a revoca concessione

Share

Astm e Sias, le concessionarie autostradali di proprietà del gruppo Gavio, sono crollate in scia ad Atlantia dopo che il governo ha minacciato una stretta su tutte le concessioni autostradali.

Il gruppo proprietario di Autostrade per l'Italia afferma in una nota che l'annuncio da parte del governo della procedura per il ritiro della concessione, dopo il crollo del Ponte Morandi, "è stato effettuato in carenza di qualsiasi previa contestazione specifica alla concessionaria ed in assenza di accertamenti circa le effettive cause dell'accaduto".

Il Day After politico dell'incidente più grave d'Italia in tempo di pace dalla tragedia del Vajont, è un braccio di ferro pubblico-privato dove sono stati bruciati anche una buona fetta di risparmi degli italiani. Non solo: le obbligazioni di Atlantia con scadenza luglio 2027 sono scivolate del 4,01% a 92,8 mentre il bond da 700 milioni con scadenza settembre 2029 perdevano il 4,3% a 91,79. Il titolo è stato posto sotto osservazione da S&P in vista di un possibile ribasso del rating per i contenziosi con le famiglie delle vittime e con il Governo sulla concessione. "Di non vendere, la botta ormai l'hai presa e magari poi risale, né comprare perché ci sono troppi elementi di incertezza con tempi, immaginiamo, lunghi" dice all'Adnkronos Massimo Intropido, fondatore e responsabile di Ricerca e Finanza.

"Di fronte a un governo populista, senza background, con ministri di cui non si conosce neppure il curriculum, la gente vende".

Meteo Roma, Ferragosto con violenti temporali e calo delle temperature
Conferme sono arrivate anche dal centro meteorologico lombardo, sempre estremamente preciso sulle previsioni e sulle allerte . I valori massimi resteranno entro le medie del periodo al Nord , con valori non oltre 30° in pianura.

Nel caso di revoca delle concessioni, ipotesi che in diversi report si tende ad escludere, si potrebbe aprire un balletto di ricorsi e controricorsi davanti alla giustizia amministrativa. "Stupisce la leggerezza di alcune frasi pronunciate da esponenti di primo piano del governo - ha aggiunto un altro analista finanziario - che sembrano evocare un'espropriazione dell'asset autostradale, una fattispecie che non ha mai avuto luogo in democrazie europee".

Edizione Srl, holding della famiglia Benetton e azionista di riferimento di Atlantia, "partecipata tramite la società di diritto italiano Sintonia, farà tutto ciò che è in suo potere per favorire l'accertamento della verità e delle responsabilità dell'accaduto". Autostrade per l'Italia e la capogruppo Atlantia, negli ultimi 10 anni, "hanno investito oltre 10 miliardi di euro nell'ampliamento e ammodernamento della rete autostradale italiana", si evidenzia.

Il ministro del Lavoro Luigi Di Maio ha detto oggi, 16 agosto: "Sono convinto che ci siano tutte le motivazioni per non pagare penali" per la revoca della concessione ad Autostrade per l'Italia dopo il crollo del ponte Morandi a Genova.

Crollano Astm (-10,5%) e Sias (-7,3%) mentre contiene le perdite Autostrade Meridionali (-2,9%).(ANSA).

Share