Atlantia: in Borsa ancora in forte calo, giù tutto il settore

Share

"Riteniamo poco probabile che si arrivi alla revoca della concessione, mentre ci aspetteremmo una fase di negoziazione che porti a maggiori investimenti per Aspi - scrive Equita Sim che passa da una raccomandazione "buy" a "hold" (con target di prezzo sceso del 17% a 247,2 euro) perché la decisione del governo di avviare le procedure per la revoca della concessione, seppure riteniamo più probabile che si arriverà a una soluzione negoziale, aumenta sensibilmente l'incertezza regolatoria con il rischio di avviare una fase di lungo scontro legale".

"Anche nell'ipotesi di revoca o decadenza della concessione - si legge in una nota - secondo le norme e procedure nella stessa disciplinate, spetta comunque alla concessionaria il riconoscimento del valore residuo della concessione, dedotte le eventuali penali se ed in quanto applicabili".

Atlantia, la holding che controlla Autostrade per l'Italia, che a sua volta gestisce il tratto autostradale interessato dal crollo del Ponte Morandi a Genova, non è riuscita a fare prezzo in Borsa all'indomani dell'annuncio da parte del governo di volere revocare la concessione. Atlantia chiude in calo del 22,26% a 18,3 euro, dopo una seduta costantemente sottopressione.

Gp Austria: Lorenzo batte Marquez, Dovizioso terzo
Jorge Lorenzo , con la sua Ducati , ha vinto il Gp d'Austria , undicesima prova del Mondiale MotoGp . Purtroppo ero terzo e non sono riuscito a guidare come avrei voluto, poi ho finito le gomme.

Alla parola "penale" si inalberano i vicepremier: "Non è possibile che si possa morire pagando il pedaggio - ha detto Luigi Di Maio -". Sull'indice del listino principale ha pesato il tonfo di Atlantia (-24%) mentre lo spread btp-bund è tornato a salire verso quota 290, con il differenziale di rendimento tra titoli di Stato italiani e tedeschi a 288 punti base. I due gruppi, infatti, sono da mesi al lavoro sul dossier congiunto per rilevare assieme la societa' autostradale Abertis. Il riassetto azionario vede Atlantia al controllo, con il 50% del capitale più un'azione, Acs al 30% e Hochtief al 20% meno un'azione.

Il 25 luglio l'assemblea degli azionisti di Abertis ha cosi' approvato il delisting di tutte le azioni del gruppo spagnolo dalle borse di Madrid, Barcellona, Bilbao e Valencia. Al giro di boa, ul titolo Hochtief AG perde in questo momento a Francoforte il 3%.

Edizione Srl, holding della famiglia Benetton e azionista di riferimento di Atlantia, "partecipata tramite la società di diritto italiano Sintonia, farà tutto ciò che è in suo potere per favorire l'accertamento della verità e delle responsabilità dell'accaduto". Inoltre Edizione "a nome dei suoi azionisti e del suo management, esprime profondo cordoglio alle famiglie delle vittime e la propria vicinanza ai feriti e a tutti coloro che sono stati coinvolti nel tragico crollo avvenuto a Genova". Si tratterebbe di quanto ha guadagnato Autostrade nel 2017, circa 1 miliardo di euro, moltiplicato per il numero di anni che mancherebbero alla naturale scadenza dell'accordo.

Share