Calciomercato, Gasperini: "Caldara si era preparato per la Juventus..."

Share

L'andata ci è stata utile per conoscere meglio i nostri avversari, giocarci contro aiuta sempre in queste situazioni. Rispetto all'andata abbiamo un Freuler in più.

"Chiaro che il risultato della gara di andata ci mette un po' di pressione, ed è stato un peccato perché a mio avviso non ha rispecchiato quello che è stato l'andamento della gara", spiega il tecnico orobico che non nasconde la complessità della sfida. "Dobbiamo fare almeno due gol". Ricordiamo innanzitutto che si parte dal pareggio per 2-2 conseguito settimana scorsa a Reggio Emilia, sede delle partite casalinghe dell'Atalanta nelle Coppe europee: di conseguenza, la Dea bergamasca per qualificarsi dovrà vincere con qualsiasi punteggio oppure pareggiare ma con punteggi dal 3-3 in su; in caso di un nuovo 2-2 naturalmente la partita proseguirà con la disputa dei tempi supplementari e poi eventualmente con i calci di rigore per decretare chi avrebbe accesso al terzo turno, mentre un pareggio per 0-0 oppure per 1-1 significherebbe l'immediata eliminazione della Dea, così come ovviamente in caso di sconfitta. "Ci vuole attenzione e qualità perché il Sarajevo, per quanto visto giovedì scorso, è una squadra piuttosto cinica". "Certo, qui a Sarajevo é più difficile, ma credo che abbiamo delle possibilità, la qualificazione è più aperta ma abbiamo delle possibilità". Ci sono 90 minuti da giocare in maniera importante e seria, ci giochiamo la qualificazione.

Milan, Gattuso: "Leggo che rischio il posto ma lavoro con serenità"
L'atmosfera che c'è è ottima, si fa fatica ma non ho mai visto nervosismo che invece è classico quando si è stanchi. Finché sarà aperto il mercato porterà sempre malumori, i giocatori sono sempre al telefono e leggono le notizie.

In diretta da Sarajevo per Sky Sport 24, l'allenatore dell'Atalanta Gasperini ha parlato così del maxi affare Milan-Juventus: "Operazione imprevedibile, anche per le stesse società". Ci stiamo preparando nel migliore dei modi. Ora i rossoneri hanno tanti giovani scuola Atalanta, insieme a Kessie e Conti pure. "Siamo obbligati a fare risultato".

Share