Caldo: bollino rosso in molte città italiane

Share

Temperature massime in Campania che supereranno di 4-5 gradi le medie stagionali, tassi di umidità che, nelle ore serali e notturne, supereranno anche il 70-80%, scarsa ventilazione e allerta incendi. Poi potrebbe esserci un cambio di tendenza. Ciò comporterà la formazione di una forte ondata di calore che interesserà soprattutto Spagna, Francia ed Europa centrale, con temperature che raggiungeranno valori oltre i 35 °C in Italia.

Per quanto riguarda le temperature registrate nella notte, Cipressa (Imperia) non è scesa sotto i 27.2 (valore regionale minimo più alto). Ci attendono, quindi, una fine di luglio e un inizio agosto in compagnia dell'anticiclone africano il quale, oltre al gran caldo, sarà garanzia di tempo stabile e soleggiato, fatta eccezione per gli eventuali temporali di calore che potranno svilupparsi nelle ore più roventi della giornata attorno ai rilievi della Penisola. Invece lo zero termico si attesterà sui 4500.

Qualche grado in meno al Sud, ma comunque con clima pienamente estivo. Mentre il 2 agosto saliranno a 18 le città contrassegnate dall'allerta 3: Bolzano, Bologna, Brescia, Campobasso, Firenze, Frosinone, Genova, Latina, Milano, Perugia, Pescara, Rieti, Roma, Torino, Trieste, Venezia, Verona e Viterbo. Lo segnala il bollettino sulle ondate di calore pubblicato oggi dal ministero della Salute.

Febbre del Nilo: come si diffonde, come si contrae, come curarsi
Il virus West Nile conosciuto anche come virus del Nilo occidentale è un virus che solo accidentalmente potrebbe infettare l'uomo. I sintomi decisamente più gravi , invece, si presentano in pochissimi soggetti: parliamo di 1 persona su 150.

La prima parte di questa settimana vedrà diffusamente bel tempo, con annuvolamenti pomeridiani soprattutto nella regione alpina e nell'Appennino settentrionale, in temporaneo sconfinamento verso le pianure. Sembra infatti che a partire dalla seconda decade del mese gli esperti ipotizzino una "rottura dell'estate".

Fondamentale, ribadiscono i medici, l'alimentazione: "La cosa più importante- prosegue Spata-è l'idratazione: bisogna bere moltissimo, anche anziani e bambini, che di solito bevono poco e hanno un'alimentazione ripetitiva, devono sforzarsi". Clima molto afoso al Nord e in generale nelle zone costiere, sia di giorno che di notte.

Share