Come vedere Marte, che stasera è alla distanza minima dalla Terra

Share

"Se così fosse - puntualizza la Nasa - sulla Terra avremmo enormi problemi legati all'attrazione gravitazionale di Marte e Luna insieme". Dopo la scoperta, in gran parte made in Italy, che nel sottosuolo di Marte c'è un lago di acqua salata, possibile habitat di vita aliena, il pianeta rosso è osservato speciale. Visibile già in occasione dell'eclissi lunare del 27 luglio, Marte sarà questa notte ancora più visibile, offrendoci un altro spettacolo unico. La separazione massima dei due corpi celesti è di circa 401 milioni di chilometri, e la distanza media è di 225.

Per vedere Marte luminosa e leggermente più grande basterà guardare dopo il tramonto in direzione Sud-Est, pochi gradi al di sotto della Luna, nella costellazione del Capricorno. Il Pianeta Rosso raggiungerà il punto più vicino alla Terra intorno a mezzanotte. Era dal 2003 che Marte non si avvicinava così tanto: quell'anno anzi raggiunse la distanza di 55,7 milioni di chilometri, segnando il record degli ultimi 60mila anni. Dalla parte opposta del Sole rispetto alla Terra e vicino a noi, sarà completamente illuminato dalla nostra stella, come accade per la luna piena.

Incendio Grecia: gemelle disperse morte abbracciate ai nonni
Il Ministero della Sanità ellenico ha comunicato inoltre che una donna di 40 anni è morta in ospedale per le gravi ustioni. I cadaveri delle due bambine erano tra quelli rinvenuti martedì scorso sulla sommità di un'altura a picco sul mare.

L'appuntamento di questa sera è un evento importante "sia per le osservazioni amatoriali che scientifiche - ha spiegato Casu - La Nasa nei giorni scorsi ha ad esempio potuto scattare alcune immagini straordinarie, che mostrano una tempesta di sabbia globale che copre molti dettagli della superficie marziana". Palesemente una bufala. "Non è vero che il 31 luglio Marte appare grande come la Luna". Ricordiamo che Marte si avvicina alla Terra mediamente ogni 26 mesi a una distanza che tuttavia è diversa di volta in volta. Ad ogni incontro la distanza tra i due pianeti varia, la traiettoria è infatti disturbata anche dall'attrazione gravitazionale esercitata da Giove. Oggi, nella notte a cavallo tra il 31 luglio e il primo agosto, Marte torna a dare spettacolo per un incontro ravvicinato con la Terra, mostrandosi vicino e brillante come non accadeva da 15 anni.

Share