De Laurentiis: "Contestazioni? Non mi posso preoccupare dei dissidenti"

Share

Della commissione istruttoria esaminatrice degli undici progetti pervenuti fanno parte: Davide Pellegrino, direttore generale del Comune, Pompeo Colacicco, direttore della ripartizione Urbanistica del Comune, Giuseppe Ninni, direttore della ripartizione Ragioneria del Comune, Domenico Costantino, accademico dell'Università di Bari, e Roberto Maffei, dentista ed ex capo ultras della curva nord del Bari. Non riuscivamo a parlare.

Non si sono fatte attendere le reazioni dei tifosi del Napoli, di cui De Laurentiis è presidente. Mi sono state chieste tre cose: competenza, e questa Aurelio la porta con sé; trasparenza, e lui ha deciso di presentarsi direttamente, senza intermediari; rispetto, e questo, presidente, te lo chiedo personalmente. Ero in ritiro a Dimaro, quando mi si presentò questa possibilità. Stamattina presto ho chiamato tutti, da Giuntoli a Sacchi, e ho gia' trovato il nome per il vivaio, si tratta Filippo Galli del Milan. In Italia, secondo l'articolo 16-bis delle norme organizzative interne federali, non si possono possedere due squadre militanti nella stessa divisione, mentre si possono avere partecipazioni in più società militanti in categorie diverse. Ora ci aspetta una cavalcata rapidissima per tornare in A e per modificare le regole che non permettono di avere due squadre in A. "Non mi posso preoccupare dei dissidenti, che vengono allo stadio e che potrebbero non condividere le modalità, perché hanno ancora un concetto di possesso che non appartiene più al calcio di oggi". Lo stadio San Nicola? Un grande affare per un imprenditore che ha un gran fiuto. Devo verificare e studiare il territorio per capire le strutture e cosa c'è. Inoltre io non sono mai andato fuori budget.

Collina si dimette dal ruolo di designatore UEFA: al suo posto Rosetti
Chiamato nel 2010 dall'allora n.1 Uefa Michel Platini, Collina ha annunciato la sua decisione nel corso del meeting arbitrale a Nyon.

"Abbiamo presentato un progetto triennale, di immediata risalita nel calcio che conta", le parole del suo storico legale, Mattia Grassani, che curiosamente ha assistito da consulente momentaneo di Giancaspro al tramonto del vecchio Bari e all'alba di quello nato ieri.

Share