Denunciata la mamma no-vax di Brescia che falsificava i certificati

Share

Ecco, io ho fatto così: l'ho preso, scannerizzato, cambiato data, fotocopiato e portato alla materna. E nelle ultime ore è intervenuto, per la prima volta sul tema con un post ad hoc su Facebook, anche l'ex premier Matteo Renzi: "Siamo nel 2018 e l'Italia discute di vaccini: è pazzesco!"

Il post potrebbe costarle caro: la scuola materna ha deciso di andare dai carabinieri per sporgere una querela.

Permessi 104 per lavoratori part-time, a turni e notturni. Come funziona?
Il risultato andrà arrotondato all'unità inferiore o superiore a seconda che la frazione sia inferiore o superiore a 0,5. E può accadere anche a capienza di mesi interi e indipendentemente dalla durata del congedo straordinario .

"La vicenda" ha spiegato il presiede il consiglio d'amministrazione della scuola, Alberto Erculiani, "risale allo scorso anno scolastico: c'erano 70 bambini iscritti e la figlia della signora era l'unica a non avere le certificazioni". D'altra parte ha "la normativa non era chiara". "Dopo che lo screenshot del dialogo tra le mamme no vax ha iniziato a circolare in rete abbiamo ricevuto moltissime segnalazioni da tutta Italia". La madre era stata segnalata alla scuola, che inizialmente aveva ringraziato tutti e assicurato che avrebbe portato avanti le verifiche del caso. Il 'caso' arriva fino in Regione Lombardia, con una interrogazione della consigliera Viviana Beccalossi che chiederà spiegazioni all'assessore Giulio Gallera perché sia fatta la massima chiarezza sulla vicenda.

La pagina No alle Pseudoscienze ha scritto di aver segnalato alle autorità il caso della donna: "La nostra segnalazione alle autorità l'abbiamo fatta, e abbiamo prontamente salvato il tutto su Webarchive, nel caso la furbissima mamma avesse la brillante idea di cancellare tutto". Peccato che se ne sia poi vantata su un gruppo Facebook, finendo per farsi denunciare. "Se quanto riportato dalle notizie fosse vero, sarebbe la dimostrazione di quanto sia importante fare chiarezza sulla questione vaccini e che affidarsi all'autocertificazione da parte dei genitori, peraltro senza controlli, sia davvero una follia, oltre che un vero pericolo per i bambini, specie per quelli con problemi immunitari", ha dichiarato al Giorno.

Share