Fico: "Caporalato piaga da combattere con interventi seri"

Share

Per l'esattezza i morti furono 262. Appare interessante tutta la panoramica che giunge da nord a sud del Paese circa l'applicazione specificamente del nuovo articolo 603 bis del codice penale.

Facciamo appello ad associazioni, sindacati, persone e organizzazioni che ogni giorno vivono e combattono la violazione di diritti umani, le mafie, il caporalato, la tratta e ne sopportano il peso, vedendo calare ogni anno l'indice di dignità e legalità, dunque di democrazia del paese. Infatti, per rimanere nelle competenze di questa Commissione, si deve notare che laddove vi è sfruttamento del lavoro e soprattutto lavoro irregolare che approfitta dello stato di bisogno non si ha nessuna condizione di sicurezza. E invece, proprio la carenza logistica - sistemazione abitativa e trasporti - è stata alla base di alcuni degli episodi più gravi e mortiferi, oltre a continuare a fornire lavoro ai caporali. Il premier Giuseppe Conte, all'indomani dell'incidente in cui sono morti 12 migranti sfruttati come operatori agricoli, è sceso giù a Foggia dove ha incontrato una delegazione di braccianti africani, le rappresentanze sindacali e le autorità. Un minimo di effetto positivo lo ha avuto, ma è rimasta anche largamente disattesa, anche perché poco si è fatto per incidere su alcuni aspetti "collaterali", ma decisivi come quello degli alloggi per i braccianti stagionali, quello del trasporto verso i campi, come una maggiore efficienza dei centri per l'impiego per la gestione della domanda e del'offerta di lavoro... In assenza di interventi in questo senso i nuovi schiavi continueranno ad alloggiare nelle baraccopoli e saranno sempre costretti a viaggiare sui furgoni sgarrupati e insicuri dei caporali, ammassati come le sardine... Grazie all'assenza dello Stato. Poi c'è il problema del mercato.

Rai. Vigilanza scrive al CDA. Indichi nome presidente, niente nomine
Per quanto riguarda il presidente "non si riesce a nominarlo - ha aggiunto - perché non cediamo alle logiche di lottizzazione politica". "Finche' non si trova un'intesa tra i gruppi e' inutile rimandare un nome".

Dopo gli sbarchi, ciò che resta, sono migliaia di giubbotti di salvataggio arancioni, abbandonati da chi è sopravvissuto ed è riuscito a raggiungere l'Europa. Da qui la paga da fame a chi raccoglie i pomodori e l'assenza di tutele. Il tema di oggi nella sinistra, lo ripeterò fino alla morte, non è cercare un leader ma cercare migliaia di persone che abbiano voglia e coraggio di riprendere la strada della comunità di vita e di lotta con chi sta peggio. "Come comitato scientifico dell'Osservatorio Agromafie abbiamo previsto una collaborazione da parte della vittima, italiana o straniera, che se denuncia il datore di lavoro scorretto avrà un'occupazione".

NewTuscia - In questi giorni e' tornato puntualmente e drammaticamente di attualità l'odioso fenomeno e le drammatiche conseguenze del caporalato in agricoltura. Qualcuno fa la cresta sui pochi euro che quei ragazzi riescono a mettere insieme, sfruttandone la solitudine e la disperazione?

Share