Genova ponte crollato, il governo: "Colpa di Autostrade, via la concessione"

Share

Infine, il ministro torna sulla questione della Gronda: "A chi invece sta speculando su questa tragedia - afferma - voglio dire: e' impensabile, oltre che ignobile, collegare il crollo del ponte Morandi alla messa in discussione della realizzazione della Gronda di Genova, su cui e' in corso un'analisi costi-benefici. In questo momento siamo in contatto con Autostrade, ci stiamo recando sul luogo del disastro con il viceministro Rixi". "Quanto accaduto a Genova è una grave ferita non solo per la città, ma per la Liguria e tutta Italia", ha scritto ancora Conte, che è a Genova. Si tratta di installare dei banali sensori su tutte le infrastrutture del Paese per un monitoraggio costante: a volte si fa con dei satelliti, a volte con i sensori.

Il punto della Protezione Civile "Ora la priorità è cercare le eventuali persone ancora sotto le macerie, ma subito dopo inizierà un'altra fase molto critica che è quella di rimuovere questa diga artificiale che si è creata nel torrente Polcevera, e che rappresenta un pericolo concreto per la città".

Il ministro Danilo Toninelli (M5S), colui che nelle ultime settimane aveva messo in dubbio le grandi infrastrutture che riguardano anche Genova, ci va giù anche più duro. "Andremo a vedere la convenzione con Autostrade per l'Italia e sanzioneremo chi non ha mantenuto in sicurezza il ponte".

Sconcerti: "Inter strutturata per campionato di vertice, dipenderà da Nainggolan"
Non è elegante comprare un giocatore a gennaio, prenderlo a giugno e cederlo ad agosto. L'Inter invece mi sembra più strutturata per fare un campionato di vertice.

"È possibile, in caso di inadempienze, ritirare la concessione e far pagare multe fino a 150 milioni di euro - ha proseguito Di Maio - Autostrade non ha fatto la manutenzione" sul ponte Morandi: "Toninelli ha avviato le procedure" per il ritiro della concessione.

La manutenzione del ponte Morandi a Genova, crollato questa mattina, spettava ad Autostrade per l'Italia, società che gestisce il tratto autostradale e che fa capo ad Atlantia. Come ricordava l'ex ministro dei Trasporti Maurizio Lupi in un'audizione al Senato, mentre prima del 2006 esisteva un sistema sanzionatorio "inadeguato", la legge di riforma del settore autostrada n.286/2006 ha previsto "un articolato meccanismo di sanzioni e di penali intermedie, riferite ai più importanti aspetti del rapporto concessorio". Tanto che il vicepremier del Carroccio Matteo Salvini ha specificato: "La revoca delle concessioni è il minimo che ci si possa aspettare", ha detto a Radio24. "E pensiamo soprattutto a rendere sicura questa nostra malridotta Italia", ha scritto il ministro. "Sono d'accordo sul togliere la gestione a chi non si è dimostrato all'altezza, nonostante guadagni miliardi". Vedremo di dare le prime risposte urgenti. "Scriverò a tutti i concessionari privati per chiedere quale parte dei bilanci viene reinvestita nella sicurezza stradale e ferroviaria", ha detto Salvini a Radio 24. Al di la dei morti c'è un danno economico e sociale inimmaginabile. Sui vigili del fuoco, ha detto ancora Salvini, "ho ereditato un piano assunzioni di 1600 unità, stiamo lavorando per assumerne 500 nell'arco di un anno".

Share