Gli investitori si interrogano sull'ultima grande "idea" di Elon Musk

Share

Molti hanno creduto che quella di Musk fosse solo un'uscita provocatoria, una trovata per mandare in tilt i mercati finanziari con cui l'imprenditore 47enne non è mai andato tanto d'accordo, pur se il titolo è sempre stato premiato.

Del resto se Musk farà sul serio, lanciando un'operazione da oltre 50 miliardi di dollari, chiunque comprasse un'azione Tesla per poi cederla durante l'Opa finalizzata al delisting guadagnerebbe anche a questi prezzi un ulteriore 10,5%.

La Repubblica ha riportato la notizia di un irriverente tweet di Elon Musk, amministratore delegato e maggiore azionista di Tesla (possiede il controllo del 20% sui capitali), il quale lo scorso martedì ha espresso il pensiero di togliere la Tesla dal listino di borsa degli azionisti pagando 420 dollari per azione.

Dopo i videogiochi nel sistema di infotainment delle auto Tesla, potrebbe quindi arrivare una mini car, anche se non abbiamo certezze in merito, né sul tipo di modello, né circa l'eventuale destinazione.

Iran: Zarif, Svizzera e Oman si sono offerti come mediatori con USA
Chiunque faccia affari con l'Iran NON farà affari con gli Stati Uniti . "Ci aspettiamo che l'Iran continui ad attuare pienamente tutti i suoi impegni nucleari nell'ambito dell'accordo", spiega la nota.

Musk ha più volte attaccato gli short seller, criticandoli duramente e inserendoli nella categoria delle organizzazioni che vorrebbero vedere la società morta.

Un'operazione di "delisting" definita ambiziosa dal Sole 24 Ore di oggi, per un valore complessivo di 72 miliardi di dollari. Tra l'altro il tweet di Musk è giunto circa mezzora dopo l'annuncio dell'ingresso tra i soci di Tesla del fondo sovrano dell'Arabia Saudita con una partecipazione da 2 miliardi di dollari, partecipazione che l'annuncio di Musk ha già fatto lievitare di valore. Come precisa il CEO della società: essere un'azienda quotata ci sottopone all'esposizione dei risultati trimestrali che stanno esercitando una grande pressione su Tesla, e che la portano a prendere decisioni improvvise e non sempre giuste in un determinato periodo. "Non sarebbe più giusto che, invece a pensare a manovre finanziarie, il management si concentrasse sulla produzione in grande scala nella fabbrica di Fremont, in California, del suo Modello 3, con cui spera di allargare la base di clienti?".

Per tutti gli altri sono strategie di un uomo che è già diventato mito, un inventore che vuole cambiare il mondo, in chiave sostenibile e innovativa.

Share