Il Pil frena, disoccupazione su

Share

In particolare, segnala l'Istat, il rialzo trimestrale è il più' basso dal terzo trimestre del 2016. Nel secondo trimestre 2018 il prodotto interno lordo espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2010, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, è aumentato dello 0,2% rispetto al trimestre precedente e dell'1,1% in termini tendenziali. Analizzando a grandi linee i numeri possiamo vedere come nel secondo trimestre in analisi scende il valore aggiunto nel comparto che raggruppa l'agricoltura, la silvicoltura e la pesca mentre si registrano rialzi per l'industria e i servizi.

Nel secondo trimestre del 2018, il Pil della zona euro e della Ue-28 è cresciuto rispettivamente dello 0,3% e dello 0,4% rispetto al trimestre precedente.

La variazione acquisita per il 2018 è pari a +0,9%.

Temptation Island 2018: Michael si difende sui social dopo la figuraccia!
Lara e Michael sono stati l'ultima coppia ad andare al confronto e non hanno tradito assolutamente le attese del pubblico. Ecco quindi cosa è successo nell'ultima puntata ...

Nonostante la durata dell'attuale fase di espansione dell'economia italiana prosegua ormai da sedici trimestri, con una crescita complessiva nell'arco del periodo pari al 4,5%, il livello del Pil risulta inferiore dello 0,7% rispetto al precedente picco del secondo trimestre del 2011 e del 5,4% a confronto con il massimo storico del primo trimestre del 2008. Vale a dire poco prima dello scoppio della crisi economica. A giugno il tasso di disoccupazione torna a salire, attestandosi al 10,9%, in aumento dello 0,2%.

In sostanza, commenta l'Istat, a giugno ' dopo tre mesi di crescita sostenuta, l'occupazione registra un calo che si concentra soprattutto tra gli uomini e le persone con più di 35 anni'. È quanto comunica oggi l'Istat diffondendo la "Stima preliminare del Pil" relativa al secondo trimestre 2018. Come a dire: mai così tanti precari nel Paese.

Share