Malta e Italia litigano di nuovo sui migranti

Share

Non ha ancora trovato una soluzione la vicenda di nave Diciotti, finita al centro di un braccio di ferro Italia-Malta e da quasi quattro giorni al largo di Lampedusa con 177 migranti a bordo. Secondo quanto si apprende da fonti del Viminale, non è ancora stato indicato alcun porto sicuro dove l'imbarcazione possa approdare. Tredici migranti in cattive condizioni di salute sono stati trasferiti subito a Lampedusa, mentre gli altri 177 sono stati messi in sicurezza a bordo della nave.

Secondo Malta, il porto più sicuro è Lampedusa e Roma "non ha appigli legali per chiedere" un porto maltese. Nel frattempo, 13 persone sono state portate sulla terraferma per ricevere assistenza medica (erano i casi in emergenza sanitaria), mentre ci sono - dalla notte tra mercoledì e giovedì - 177 persone a bordo che non conoscono il loro destino.

Il mutato atteggiamento del governo Lega - Movimento 5 Stelle ha evidentemente determinato una situazione di grande confusione sulle attività di search and rescue dei migranti nel Mediterraneo, in particolare per quel che concerne l'individuazione di un porto sicuro di sbarco per le navi che abbiano operato attività di soccorso in mare aperto. "Ma come in passato - ha aggiunto -, siamo pronti, se c'è necessità, a fornire sostegno al coordinamento e prestare tutto il nostro peso diplomatico per soluzioni veloci". "Seguiamo gli sviluppi, se necessario pronti a dare sostegno", fa sapere l'Ue.

È morto il premio Nobel per la pace Kofi Annan
A confermare la notizia anche la famiglia e la fondazione del ghanese , con un post su Twitter. Annan , ghanese , era stato il primo africano nero a guidare il Palazzo di Vetro.

Salvini accusa Malta di avere "accompagnato" la barca di migranti verso le acque territoriali italiane, in una zona cioè dove l'Italia ha la responsabilità dei soccorsi e allo stesso tempo dove il governo esercita la propria sovranità, con una serie di obblighi relativi all'accoglienza dei migranti. La questione è molto complessa, anche in relazione alla dinamica dei fatti che ha portato all'intervento della nave della Guardia Costiera italiana. È culminato ieri pomeriggio, quando Salvini ha dato la notizia dell'avvistamento di un'altra imbarcazione con una settantina di migranti in acque maltesi: "Immagini esclusive di un gommone con 70 immigrati, scafista alla guida e motore potente, in acque maltesi - ha scritto su Twitter - Qualcuno si degnerà di intervenire o li manderanno ancora una volta in direzione Italia?". "Ho chiesto che la nave italiana contatti le autorità maltesi, nelle cui acque è avvenuto il soccorso, perché mettano a disposizione un porto per lo sbarco".

L'obiettivo è che Bruxelles predisponga per la Diciotti la stessa formula utilizzata in ultimo per la Aquarius, che ha portato alla suddivisione tra gli Stati membri di quei migranti sbarcati a Malta. La partita si è poi riaperta.

Share