Marte alla minima distanza dalla Terra, sarà visibile al tramonto

Share

Il pianeta rosso si trova infatti alla minima distanza dal nostro, pari a 57.590.630 chilometri.

Oggi ha avuto e sta ancora avendo luogo l'avvicinamento di Marte alla Terra e l'ultima volta che la distanza tra i due pianeti si è ridotta a tal punto è stato ben 15 anni fa. L'ora ideale per osservarlo è verso mezzanotte, quanto Marte raggiungerà il punto più vicino alla Terra, restando visibile per gran parte della notte. "Poi a metà agosto la luce comincerà ad indebolirsi, mentre le orbite di Marte e della Terra allontaneranno i due pianeti".

Il pianeta rosso sarà ben visibile a partire dal tramonto.

Continua a impressionare il cielo che è possibile osservare in queste sere.

Milan, Gattuso: "Voci di mercato pesano. Io a rischio? Lavoro con professionalità"
Vi è sempre il rischio di essere rimpiazzati da un altro collega nel ruolo e ciò crea un po' di apprensione. Un pensiero sulla Internatiola Champions Cup: "Vedi i ragazzi del 2000, del 2001, che possono giocare.

Marte: minima distanza dalla terra questa sera. "Se così fosse - puntualizza la Nasa - sulla Terra avremmo enormi problemi legati all'attrazione gravitazionale di Marte e Luna insieme". "Quando Marte è in opposizione, cioè dalla parte opposta del Sole rispetto alla Terra, si verifica un allineamento tra i pianeti e la stella, con la Terra nel mezzo", ha detto ancora l'astronoma. Le distanze variano anche per il disturbo dovuto all'attrazione gravitazionale di Giove.

Questi appuntamenti ravvicinati sono anche un'occasione per lanciare nuove missioni. Dopo l'eclissi lunare, con la Luna rossa e Marte visibile nella giornata di venerdì 27, questa sera un altro evento offrirà spettacolo.

A partire dalle 19.00 e fino alle 22.30 su Ansa Scienza e Tecnica l'osservazione di Marte in diretta con la tv della Nasa, sarà possibile ammirare questo spettacolo che ci offre gratis la magia della natura.

Attenzione, infine, alle bufale che circolano in rete e sui social media: "Non è vero che il 31 luglio Marte appare grande come la Luna". L'eccezionale scoperta è stata pubblicata sulla prestigiosa rivista Science e presentata da Agenzia Spaziale Italiana (Asi), Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf), università Roma Tre, Sapienza e Gabriele d'Annunzio (Pescara), Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr).

Share