Phishing, Entrate: alla larga da email truffa sui rimborsi fiscali

Share

"I messaggi di posta elettronica segnalati - spiega l'Amministrazione finanziaria in una nota pubblicata ieri - nascondono un evidente tentativo di entrare in possesso di informazioni riservate". Nel messaggio si annuncia al cittadino che un "rimborso" di "un'operazione" non è andato a buon fine e lo si invita a cliccare su un link per aggiornare i propri dati.

Il Fisco ha quindi deciso di mettere in allerta gli ignari cittadini e a chiarire che le e-mail "corredate da una falsa notifica di "rimborsi fiscali", in realtà recapitano in allegato un virus informatico a danno dei cittadini". L'Agenzia delle Entrate non invia comunicazioni via e-mail relative ai rimborsi; sul sito internet www.agenziaentrate.gov.it nella sezione Come sono pagati i rimborsi, si possono consultare le modalità corrette per ricevere un rimborso fiscale. Non cliccate, perché l'Agenzia non invia email su rimborsi.

Per evitare danni al proprio pc, l'Agenzia, totalmente estranea all'invio di queste comunicazioni, invita a non dare seguito al contenuto delle stesse e a cancellare immediatamente le false e-mail.

L’allarme dell’Istat: la disoccupazione torna a salire
Le persone che non risultano occupate né in cerca di un lavoro scendono infatti di altre 27mila unità in un mese. Sono in forte calo i contratti a tempo indeterminato (-56 mila ), ma anche i lavoratori indipendenti (-9 mila ).

Se il contribuente ha fornito all'Agenzia delle Entrate le coordinate del suo conto corrente bancario o postale, il rimborso, qualunque sia l'importo, viene accreditato su quel conto.

Seguendo l'esempio dell'Inps, anche l'Agenzia delle Entrate ha reso pubblico tramite un comunicato stampa pubblicato sul sito che dal 1° agosto 2018 il call center per l'assistenza telefonica avrà nuovi contatti gratuiti. Tendenzialmente quando ci sono improvvise vincite o rimborsi inaspettati (come in questo caso) si tratta di una truffa. Infatti chi è già registrato ai servizi telematici dell'Agenzia ed è in possesso, quindi, del codice Pin, può effettuare la richiesta di accredito attraverso il canale Fisconline.

Share