Rai: la Vigilanza boccia Marcello Foa presidente

Share

Il partito di Berlusconi ha criticato il fatto che Lega e Movimento 5 Stelle abbiano scelto Foa senza consultare le opposizioni come era pratica comune in passato nella scelta del presidente della RAI. "Attendo con rispetto il voto della Commissione parlamentare di Vigilanza Rai". Pd, Leu e Forza Italia (fatta eccezione per il presidente Alberto Barachini, che ha votato) non hanno ritirato la scheda e partecipato al voto. "Il Parlamento ha detto no. La commissione di vigilanza ha fermato questo scempio orchestrato per avere un presidente funzionale ai voleri dei nazionalpopulisti", ha commentato invece il segretario Pd Maurizio Martina, entrando al Nazareno. "Siamo convinti che i fraintendimenti di questi giorni sul metodo, più che sul merito, possano essere superati".

La sua nomina è stata fermata a causa dell'opposizione di Forza Italia.

Carrie Fisher sarà nel prossimo "Star Wars" anche se morta
Ecco perché la Disney ha deciso di riutilizzare alcune scene da lei registrate in precedenza, come confermato dal regista J.J. La morte dell'attrice Carrie Fisher , 60 anni, nel 2016 ha lasciato un vuoto incolmabile per i fan della saga di Star Wars .

Tutti i diritti di utilizzazione economica previsti dalla legge n. 633/1941 sui testi da Lei concepiti ed elaborati ed a noi inviati per la pubblicazione, vengono da Lei ceduti in via esclusiva e definitiva alla nostra società, che avrà pertanto ogni più ampio diritto di utilizzare detti testi, ivi compreso - a titolo esemplificativo - il diritto di riprodurre, pubblicare, diffondere a mezzo stampa e/o con ogni altro tipo di supporto o mezzo e comunque in ogni forma o modo, anche se attualmente non esistenti, sui propri mezzi, nonché di cedere a terzi tali diritti, senza corrispettivo in Suo favore. "Chi all'esame è stato bocciato faccia le sua valutazioni, lui e chi l'ha designato, noi abbiamo seguito la procedura". Così Marcello Foa dopo la bocciatura della sua nomina in Vigilanza Rai. Fonti ai massimi livelli del governo spiegano ad Affaritaliani.it la strategia della maggioranza Lega-M5S dopo che la Commissione di Vigilanza non ha ratificato la nomina del giornalista sovranista ai vertici della tv di Stato con Forza Italia che si è schierata con il Partito Democratico.

Share