Terremoto in Indonesia, notte di terrore per Aldo Montano e la moglie

Share

Si aggrava il bilancio delle vittime del violento terremoto che ha colpito ieri l'Indonesia: secondo media locali i morti sarebbe almeno 142.

"Abbiamo vissuto scene apocalittiche - ha raccontato l'atleta all'Ansa - Un boato con la fortissima scossa di terremoto e il terrore dell'allarme tsunami". Siamo riusciti a contattare la Farnesina la quale ci ha gentilmente lasciato il numero dell'ambasciata italiana a Jakarta e del consolato italiano a Bali che ovviamente non hanno risposto... Lo ha reso noto la National Disaster Mitigation Agency, spiegando che il bilancio è destinato a crescere perché i soccorritori non hanno ancora potuto raggiungere alcune delle zone più colpite a Nord dell'isola. Era con la moglie Olga Plachina, dopo i Mondiali in Cina. "Siamo bloccati in migliaia su Gili Trawangan, abbiamo passato la notte su una collina per il rischio tsunami".

Anche Margherita e Francesca di Torino raccontano al Corriere momenti terribili: "Si sono riversati tutti sulle navi che imbarcavano senza dare precedenza a donne, bambini e feriti".

Amazon: multa da 300.000 dell’Agcom, non può effettuare attività postali senza autorizazione
E ha quindi deciso di deliberare "la sanzione massima prevista dalla legge in caso di operatività senza titolo autorizzativo ". Abbiamo pertanto esaminato attentamente i riscontri presentati dall'Agcom , fornendo una risposta puntuale a ciascuno di essi.

Notte di grande paura per Aldo Montano alle isole Gili, in Indonesia.

La Farnesina ha fatto sapere che non risultano italiani feriti o irreperibili, ma l'Unità di Crisi è allertata e continua a monitorare la situazione, anche per prestare assistenza alle migliaia di turisti italiani in questi giorni presenti nell'arcipelago indonesiano. A parlare in termini così drammatici è Federico Chiale, un italiano in vacanza in Indonesia durante il terremoto.

Come scrive Roberto la signora che si vede nel video è stata separata dal figlio e assalita da altri indonesiani che la calpestavano letteralmente pur di salire sulla scala. Nei video si può benissimo notare lo stato disastroso in cui si trova attualmente l'isola di Lombok; con abitazioni distrutte, diversi mezzi di trasporto ribaltati e persone in fuga dall'epicentro del sisma. L'uomo era sotto il tetto crollato della moschea di Jabal Nur. "A noi turisti nessuno diceva niente".

Share