Torino, la tragica rivelazione: "Mio figlio tossicodipendente mi ha violentata a ripetizione"

Share

Una donna di Torino ha raccontato di essere stata aggredita e abusata sessualmente dal figlio, un uomo di 30 anni, caduto in preda ad allucinazioni seguite all'assunzione di crack. La denuncia di una donna, a Torino, ha portato un trentenne a essere arrestato per violenza sessuale. Sul caso stanno indagando la polizia e la procura.

Il trentenne, quando è stato interrogato, si è professato innocente e non ha dato nessuna spiegazione. A far chiarezza saranno le analisi del DNA disposte sia su alcuni campioni di vestiti della donna che sui tamponi biologici prelevati nel corso della visita medica a cui è stata sottoposta la donna al Sant'Anna.

La donna era stata trovata riversa a terra nell'androne del palazzo: "Mio figlio mi ha violentata per ore".

Secondo una prima ricostruzione, l'incidente verificatosi a Brancaleone potrebbe avere avuto origine dal fatto che la bambina sarebbe sfuggita di mano alla madre mentre insieme a lei ed al fratellino di 12 anni attraversavano i binari.

Riaperto il raccordo di Casalecchio, identificata la vittima
Resterà chiuso a lungo il tratto compreso tra Bologna Casalecchio ed il bivio con la A14 Bologna-Taranto in entrambe le direzioni. Il caos è stato quindi provocato da un camion cisterna che sarebbe esploso , causando una lunga serie di esplosioni .

E ancora: "Stavo per uscire di casa, per andare a lavorare, quando lui mi ha aggredito in cucina". Solo quando si è addormentato sono riuscita a fuggire. Mi ha immobilizzata e abusata. Contro di lui c'è un lungo verbale di quello che ha raccontato la madre. La violenza, secondo le parole della donna, è continuata fino a quando il figlio non si è addormentato.

Durante l'udienza dell'arresto, l'uomo ha negato ogni accusa.

Per l'uomo sono scattate invece le manette ai polsi dopo la telefonata della madre che alla centrale operativa del commissariato di polizia ha raccontato il presunto stupro del figlio. Sembrava un altro, non era mio figlio.

Share