Toscani difende i Benetton: "Italiani frustrati e incattiviti, gli serve lo psicanalista"

Share

Ora toccherà ai Benetton, che hanno già fatto sapere tramite Autostrade che il Ponte Morandi era costantemenete monitorato con tecniche altamente specializzate, dimostrare di aver rispettato i contratti di servizio per non bruciare anche la fiducia dei mercati dove il titolo Atlantia ha già lasciato sul terreno oltre il 5% nel giorno della tragedia, mentre i bond hanno toccato il minimo storico.

Immediata la risposta di Atlantia che, alla luce del crollo in Borsa, ha diramato un comunicato ufficiale in cui ribadisce di essere certa della bontà dei lavori di manutenzione svolti e soprattutto sottolinea come, in caso di revoca della concessione, il governo italiano dovrebbe risarcire Autostrade per l'Italia per diversi milioni di euro. Ma se loro sono delle persone serissime.

"Perché questa cattiveria: che popolo frustrato quello italiano, che popolo infelice! - osserva Toscani, che tra l'altro quella mattina doveva passare sul ponte - Da fotografo e da uomo immagine posso dire proprio questo: siamo un popolo di infelici, incattiviti". Ce l'abbiamo con la nostra condizione, secondo me è per una colpa nostra. La società Autostrade per l'Italia, infine, ha precisato "che come è noto la sua sede e quella della capogruppo Atlantia sono in Italia, a Roma".

Governo ultime notizie: concessione autostrade revocata? Le penali
E ribadisce che "ad Autostrade sono stati fatti contratti molto permissivi e sono state fatte norme ad hoc". In sostanza possono far marcire le autostrade e non rischiano nulla, il loro guadagno è garantito comunque.

"Autostrade per l'Italia" è una SpA nata nel 2002 di totale proprietà del gruppo "Atlantia", che fa a capo alla famiglia Benetton. "Oggi abbiamo fatto una promessa ai familiari delle vittime e a tutti i cittadini rimasti coinvolti nella tragedia di Genova e la onoreremo andando fino in fondo".

Ritiro di concessione che è stato di nuovo confermato da Luigi Di Maio: "Tengo a ribadire la linea del governo, non è possibile che in questo paese si vada a morire pagando il pedaggio", ha dichiarato il vicepremier a Radio 24. Ma, con il Decreto del Fare, è passato allo Stato, sempre però per l'espletamento dell'attività di vigilanza sulle concessionarie autostradali.

I ricavi quindi non sembrerebbero mancare ma a finire sotto accusa sarebbero i pochi investimenti sulle infrastrutture, con sempre Balotta che parla di un calo di Autostrade dai 232 milioni del primo semestre del 2017 ai 197 milioni dello stesso periodo del 2018. "È tutto sciacallaggio per vendere", ha continuato. Poi mi hanno chiamato quando ero a Ferrara: 'Oliviero guarda che è crollato tutto. "Ma fanno ancora pullover?", si chiede la signora dei salotti palermitani Rosalina Messina Vitrano. L'indignazione è rivolta anche al doppiopesismo del pubblicitario davanti ai morti di Genova: "Toscani, adesso ti metterai una maglietta rossa per le vittime di Genova?", recita uno dei tweet virali che si richiama direttamente alla campagna contro la decisione del governo di chiudere i porti alle navi delle Ong che ha visto il fotografo in prima linea assieme ai vari Saviano, Gad Lerner & co.

Share