Anche de Magistris in Laguna per l'anteprima de "L'amica geniale"

Share

La vicenda parte proprio quando Elena Greco, ormai anziana, apprende che l'amica di una vita, Raffaella Cerullo detta Lila, è scomparsa: si mette dunque al computer per scrivere degli oltre cinquant'anni di vita condivisa, da quando si sono appunto conosciute nella Napoli travagliata e affascinante degli anni Cinquanta. La serie Hbo-Rai Fiction e Timvision, andrà in onda in autunno, data ancora da definirsi, nello stesso giorno e nella stessa fascia oraria su Raiuno e sulla piattaforma streaming. Saverio Costanzo ha firmato una serie che è diventata una co-produzione internazionale che vede HBO pronta a lanciare la serie oltreoceano nel 2019 ma, fino ad allora, saranno i presenti al Festival del Cinema di Venezia a dire la loro. "L'esperienza di lavoro con le bambine e poi con le ragazze è stato un privilegio più che una responsabilità". Perfino il regista di "La solitudine dei numeri primi" e di "Hungry Hearts" (un mio film del cuore), che gira di norma da padreterno, sembra intimidito dal mezzo tv.

L'amica geniale - la fortunata storia di Elena e Lila, due donne nate in quartiere periferico di Napoli amiche fin dall'infanzia - non è solo, infatti, il racconto di un'amicizia al femminile che porta con sé la complessità di un rapporto profondo in cui convivono sentimenti contrastanti e universali ma anche il ritratto di un intero Paese che, attraversando vari decenni, fotografa ideali e aspirazioni dei personaggi e di diverse generazioni.

Parma-JUVENTUS Streaming Gratis, dove vederle l’anticipo di Serie A
Non c'è il due senza il tre e allora Cristiano Ronaldo prolunga il suo inatteso e sorprendente digiuno nel calcio italiano. C'è però un modo completamente diverso per poter vedere le partite che in pochi conoscono e che è praticamente gratis.

"Sin di primi libri di Elena Ferrante - racconta Saverio Costanzo in conferenza stampa a Venezia 75 - ho sentito che tra noi c'era una condivisione di idea e ostinazione alla ricerca, anche pericolosa, di una verità drammaturgica". La prima stagione, composta da 8 episodi da 50 minuti, è stata scritta da Elena Ferrante, Francesco Piccolo (Premio Strega 2014), Laura Paolucci e Saverio Costanzo, anche regista della serie. "Il primo grazie va a lui", dice Nastri, mentre Del Genio ringrazia "Antonio, il nostro coach, che mi ha insegnato il napoletano che non sapevo".

In chiusura Costanzo suggerisce il senso profondo dell'opera. "Ho letto Ferrante come un classico, sa descrivere due piccole vite in maniera epica". Il successo viene da sentimenti, ma lavorando sulla messa in scena ho poi compreso come il deus ex machina sia la maestra elementare: una maestra ti cambia la vita.

Share